Ministero Beni culturali: bollette non pagate per 40 milioni di euro

mibac6 lug. – Dal 2008 a quest’anno il bilancio del ministero per i Beni culturali e ambientali ha subito una riduzione del 24%, passando da 2.037.446.020 a 1.546.779.172 euro. E’ quanto emerge dai dati allegati alle linee programmatiche illustrate dal ministro Bray alle Camere, dati che – sempre on riferimento allo stesso periodo – presentano una lunga, preoccupanti serie di saldi negativi: -58,2% di “risorse relative alle principali programmazioni per l’esercizio dell’attivita’ di tutela”, -71% di risorse derivanti dagli introiti del lotto, -31% di contributi per il finanziamento degli interventi di conservazione e restauro. A complicare il tutto, anche debiti per circa 40 milioni dovuti per lo piu’ “al mancato pagamento di utenze e canoni”.

Nel dettaglio, le risorse programmabili per il 2013 per gli “interventi urgenti di tutela”, ammontano a 27.543.974 euro, oltre il 58% in meno di cinque anni prima, mentre le risorse programmabili relative al “programma ordinario dei lavori pubblici finalizzato all’attivita’ di tutela del patrimonio culturale” risulta essere pari a 47.607.295 euro, il 52% in meno. Sempre meno ricco anche il “piatto” del Lotto: quest’anno le risorse derivanti dagli introiti del gioco, anch’esse finalizzate all’attivita’ di tutela, saranno di 25.432.847 con un calo del 71% rispetto al 2008.

In “rosso” pure le disponibilita’ destinate a conservazione e restauro di beni di privati: erano 21.985.261 euro nel 2008, saranno 15.047.923 quest’anno, il 31% in meno appunto. E ancora: i 14.670.000 stanziati per gli istituti culturali corrispondono a una riduzione vicina al 18% (rispetto al 2009) mentre la disponibilita’ finanziaria per il Fondo unico per lo spettacolo 2013 (389.847.077, “soggetti a modifiche”) scende del 15% nello stesso arco di tempo.

Notizie cattive anche sul fronte degli “stanziamenti per il funzionamento” del ministero. “Ammontano complessivamente a circa 23 milioni di euro per il 2013 – si legge nel report – a fronte di una esigenza di circa 50 milioni di euro, comprovata anche dalla recente ricognizione che ha evidenziato debiti per circa 40 milioni di euro (gia’ comunicati al ministero dell’Economia e delle finanze per l’eventuale ripianamento), dovuti principalmente al mancato pagamento di utenze e canoni”.
La situazione sara’ “ancor piu’ critica a decorrere dal 2014, che presenta uno stanziamento di circa 14,5 milioni, con un decremento pari a oltre il 37%”. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -