Pakistan: fondamentalisti islamici attaccano una chiesa, un morto

pakistan

5 lug – Questa mattina due fondamentalisti islamici hanno attaccato una chiesa protestante, la Assembly of God Church di Peshawar, nella provincia pakistana di Khyber Pukhutunkhawa. Nell’assalto è morto sul colpo un poliziotto, contro il quale i militanti hanno esploso diversi colpi di pistola. Prima di andarsene i due hanno sparato contro la chiesa, dentro la quale si trovavano due pastori, e hanno rubato l’arma dell’agente. Società civile e Chiesa cattolica condannano il fatto. Al momento le forze dell’ordine hanno registrato l’attacco e sono sulle tracce degli assassini.

La tensione nell’area era alta da qualche giorno. Il 2 luglio scorso Pervez Kharrak, chief minister della provincia, aveva dichiarato che “i musulmani non possono essere assunti come netturbini o addetti alle pulizie [di cui si lamenta la mancanza nella zona, ndr]”. Al contrario, aveva aggiunto, “solo le minoranze possono riempire i buchi e fare questi lavori”. Diversi gruppi di minoranza hanno espresso il loro sdegno per le parole del politico e chiesto le sue dimissioni. Kharrak è membro del Movimento pakistano per la giustizia (Pakistan Tehreek-e-Insaf, Pti), il partito del campione di cricket Imran Khan.

In seguito a queste dichiarazioni, la chiesa avrebbe ricevuto minacce da parte di alcuni estremisti islamici e chiesto protezione alle autorità locali. Gli amministratori hanno così posto due agenti di polizia a guardia della chiesa.

Questa mattina due fondamentalisti hanno tentato di entrare nel luogo di culto, dove si trovavano due pastori. Un poliziotto si è avvicinato per fermare i militanti, ma questi hanno risposto aprendo il fuoco. Colpito al collo, al petto e al cuore, l’agente è morto sul colpo.

Contattato da AsiaNews, p. Joseph Edward, della diocesi di Lahore, condanna le dichiarazioni fatte dal chief minister. “Le sue parole – sottolinea – sono segno di una chiara discriminazione. È una vergogna per il Pti, che ha fondato la sua campagna elettorale sul cambiamento e sulla responsabilità di assicurare pace, giustizia, uguaglianza e rispetto per tutti, anche per le minoranze religiose”.

La provincia di Khyber Pukhutunkhawa è impegnata da tempo a combattere il terrorismo. Nel territorio infatti vi sono stati centinaia di attacchi, risultati nella morte di oltre 22mila persone negli ultimi cinque anni.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -