La Kyenge ha nel Dna il tono provocatorio e la rivendicazione di diritti

kyenge

1 lug – Il ministero della integrazione, in Italia, è una aberrazione politicamente corretta che fa male all’obiettivo di avere una società aperta e moderna che comporta scambi di merci, persone e intelligenze sulla base dei rispettivi interessi e nel rispetto delle leggi. E il ministro Cecile Kyenge che è in carica oggi è la persona sbagliata per un posto sbagliato.

Crea più ostilità che consenso in una popolazione che è diffidente, perché tutte le popolazioni sono sempre diffidenti, di fronte a chi arriva da fuori. E’ una signora che è riuscita a far inviperire una personalità non certo tacciabile di simpatie per la destra come GiovanniSartori, l’editorialista del Corriere della Sera, che l’ha bollata come inadatta.

Se non ci fosse la pressione politicamente corretta di cui pare ormai impossibile potersi liberare nelle democrazie occidentali, il presidente Letta (e Napolitano) avrebbero potuto forse scegliere qualcuno, con una storia alle spalle di immigrazione di successo, che si identificasse con gli italiani amanti della legge e dell’ordine. Che si sentisse integrata, ma soprattutto grata. Invece hanno puntato su una signora che ha nel Dna il tono provocatorio, ma soprattutto un programma basato solo sulla  rivendicazione di diritti prima che sulla accettazione del banale rispetto per il Paese e per i cittadini ospitanti. Ma anche un ministro meno abrasivo e più intelligente e rispettoso del suo ruolo nella società italiana sarebbe stata una scelta pericolosa, perché il marcio sta nel messaggio che manda la creazione di un dicastero ad hoc  per una questione che è “fisiologica” della realtà di un Paese mediterraneo su cui gravitano principalmente l’Africa e l’Europa orientale (ma non solo).

E’ la stessa logica del ministero per il Mezzogiorno, altro problema che andava risolto “fisiologicamente” con un compiuto federalismo e non con assistenzialismo corrotto dalla politica, che ha creato solo una burocrazia  che ha “campato” decenni sui “ritardi” (intendendo “ritardi nell’assistenzialismo a perdere”). Che faceva retorica politica mentre maldistribuiva i fondi e aveva il solo obiettivo della propria esistenza. Di fatto, non ha mai risolto nulla dei cosiddetti “ritardi” e non ha creato realtà positive, tangibili. E così sarà per il dicastero della integrazione, che, a giudicare da come si è mossa finora la ministra, è rivolto ai cittadini italiani per farli sentire colpevoli di razzismo più che per aiutare gli immigrati (regolari) a diventare presto e bene cittadini come gli altri. […]

libero



   

 

 

2 Commenti per “La Kyenge ha nel Dna il tono provocatorio e la rivendicazione di diritti”

  1. La signora Kyenge parla solo di diritti di cambiare leggi ,di modificare le stesse ad uso degli immigrati irregolari probabilmente perchè : come affermato da lei ; lei stessa è giunta in Italia clandestinamente violando le leggi Italiane , diciamo a questo signor ministro che prima dei diritti ci sono i doveri per questi possibili e futuri cittadini extracomunitari e ricordiamo a lei che ci sono anche cittadini extracomunitari che le leggi le hanno rispettate e che si sentono offesi dal suo modo di fare in quanto istigano a disobbedire alle leggi di questo paese e in questo modo a delinquere. e poi cosa è tutta questa foga di voler abolire queste leggi ed approvarne di nuove che tendono a togliere diritti anche a noi cittadini Italiani ,CHI VI E DIETRO QUESTA SIGNORA IN REALTA?

  2. dIMENTICAVO DI DIRE ALLA SIGNORA cECILIA CHE : L’iTALIA DI SUO HA GIA DELLE LEGGI PER I DIRITTI DEGLI STRANIERI IN ITALIA E CHE QUESTE LEGGI LI TUTELANO PIENAMENTE IN QUANTO NOI SIAMO UN PAESE CIVILE ,NON ABBIAMO BISOGNO DI TRASFORMARE QUESTE LEGGI IN LEGGI CONTRO IL CITTADINO iTALIANO IL QUALE POI PER CONSEGUENZA INIZIEREBBE AD ESSERE SI ! RAZZISTA MA PROPRIO PER COLPA DEL MINISTRO kYENGE STESSO.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -