Tempi troppo lunghi, pensione invalidità arriva dopo la morte

inps27 GIU – Tempi troppo lunghi per le richieste di pensione di invalidita’ e indennita’ di accompagnamento in Italia, ben oltre i 120 giorni fissati dalla legge: la prima visita viene effettuata in media dopo 8 mesi, per la ricezione del verbale definitivo di invalidita’ civile ci vogliono undici mesi, mentre per ottenere i benefici economici si aspetta un anno e spesso l’erogazione arriva dopo il decesso di chi ne ha fatto richiesta. A denunciarlo e’ il primo rapporto nazionale sull’invalidita’ civile e la burocrazia di Cittadinanzattiva, presentato oggi a Roma.

Nel 2012- si legge nel rapporto di Cittadinanzattiva, che ha esaminato 3876 segnalazioni giunte al servizio Pit salute- ad aver riscontrato lungaggini e tortuosita’ burocratiche sono stati nel 2012 il 45,6% dei cittadini, una percentuale in forte aumento rispetto al 2011 (28,4%). La necessita’ di acquistare o affittare protesi e ausili e di pagare rette in RSA e ticket sanitari sempre piu’ elevati in assenza di una esenzione riconosciuta, oltre all’impossibilita’ di accedere ad agevolazioni fiscali, sono le conseguenze piu’ evidenti di tali ritardi.

Quasi il 30% dei cittadini che fanno richiesta di invalidita’ civile, spesso malati oncologici, affetti da patologie croniche, neurodegenerative o legate all’anzianita’, considera inadeguata la valutazione della propria condizione clinica da parte della commissione medico-legale: o per la mancata concessione o revoca dell’assegno di accompagnamento (48,5%), o per una inadeguata percentuale di riconoscimento dell’invalidita’ (42,4%), o ancora perche’ viene loro riconosciuta una pensione di invalidita’ rivedibile (9,1%).

Come conseguenza emerge un maggiore ricorso alle vie giudiziarie. Sembra crescente, infatti – spiega il rapporto – la tendenza a considerare come prassi l’accesso al ricorso giudiziario, quasi fosse scontato dover fare causa per ottenere un diritto.

 

 

 

Commenti chiusi


Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh Rasmussen

Herbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Le nostre pubblicazioni non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2014 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -