Forli’. Bambina mutilata ai genitali, indagati i genitori del Burkina Faso

infibulazione26 giu – Due genitori del Burkina Faso, residenti a Forlì, sono indagati dalla Procura per lesioni gravi procurate a una figlia minorenne, sottoposta al ritorno per le festività nel suo paese d’origine a clitoridectomia, vietata nel nostro Paese dalla legge 7 del 9 gennaio 2006.
Richiesta al Gip. Il Sostituto procuratore Marco Forte e il Procuratore Sergio Sottani hanno richiesto al giudice il rinvio a giudizio per un fatto che non è avvenuto nel territorio italiano, ma di cui sono venuti a conoscenza la scuola della bambina, un’amica della figlia, una pediatra e l’autorità giudiziaria.

Il fatto. I due genitori sono accusati di lesioni gravi nei confronti della figlia, una bambina che frequenta una scuola forlivese. In occasione delle festività natalizie del 2010-2011 la piccola, insieme ai genitori, era tornata nel suo villaggio nel Burkina Faso dove la pratica dell’escissione totale o parziale (come nel caso) del clitoride è ancora molto diffusa. (…)

Dal 2006, però, in Italia sono vietate le pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili per disposizioni conseguente a principi di tutela della donna dell’Onu. Le pratiche di mutilazione degli organi genitali sono la clitoridectomia, l’escissione e l’infibulazione. Le disposizioni si applicano anche se il fatto è commesso all’estero da cittadino italiano o da straniero residente in Italia. (…) Corriere Romagna

Spagna: condannato a 12 anni per infibulazione delle due figlie

Germania: condanne fino a 15 anni per le mutilazioni genitali femminili

Italia, Bimbe infibulate: genitori assolti «perché il fatto non costituisce reato»

In Italia infibulare ora si può. Basta non esagerare

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -