Il ministero dei Beni culturali non paga gli stipendi

mibac23 giu. – Il ministero dei Beni e delle Attivita’ culturali si e’ attivato per risolvere la questione degli stipendi dei dipendenti del Colosseo, che questa mattina hanno nuovamente protestato lasciando chiuso il monumento a centinaia di turisti, rimasti per ore sotto il sole cocente. Lo sottolinea lo stesso dicastero in una nota.

Colosseo: bigliettaio in assemblea sindacale, turisti al sole per ore

“Le proteste dei dipendenti del Colosseo – si legge – riguardano problemi di cui il Mibac si e’ fatto carico nelle riunioni con i sindacati”. “Nell’incontro del 20 giugno scorso – prosegue il testo – i dirigenti del ministero hanno informato infatti i segretari nazionali di Cgil, Cisl, Uil, Flp, Snabca-Unsa dello stato dei pagamenti e della causa dei ritardi”. “Nei giorni successivi e’ stato accertato il parere sostanzialmente positivo della Ragioneria generale dello Stato. Il ministero – conclude via del Collegio Romano – e’ attivo affinche’ vengano predisposti gli atti con l’obiettivo di effettuare i pagamenti entro il mese di luglio”.

Non puo’ piu’ accadere che i nostri beni culturali siano chiusi cosi’ come non deve succedere che non si riconoscano ai lavoratori i loro diritti” ha detto il Ministro per i Beni Culturali ed il turismo, Massimo Bray, a margine del Festival dei libri sulle mafie ‘Trame’ a Lamezia Terme, sulla vicenda del Colosseo. ”Non deve piu’ succedere di non riuscire a trovare le risorse per valorizzare lo straordinario patrimonio che rappresentano i beni culturali in Italia”.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -