Il centro studi di Bersani e Visco, firmatari di Equitalia, nel mirino del fisco a Reggio

bersani-visco

23 giu – UNA serie di consulenze fatturate dall’associazione Nens, un centro di studi economici di Roma presieduto dall’ex Ministro Vincenzo Visco e cofondato dall’ex segretario del Pd, Pier Luigi Bersani (che risulta ancora associato, pur senza cariche) che il colosso della cooperazione rossa Ccpl di Reggio Emilia «non è stato in grado di giustificare con idonea documentazione». Su questi documenti l’Agenzia delle Entrate ha acceso la sua attenzione nel corso di una serie di controlli che hanno portato ad un accertamento da oltre tre milioni di euro ai danni della cooperativa. Quello relativo alle fatture del Nens, va chiarito, è solo una parte di un più complessivo lavoro di analisi effettuato dall’Agenzia delle entrate.

Equitalia: strozzini legalizzati, autorizzati da Bersani e Visco

Il motivo del contendere? Il costo delle consulenze è stato detratto ai fini fiscali: l’ente di verifica tributaria contesta la regolarità di questa operazione, sostenendo che abbia portato in sostanza ad un minore versamento di tasse rispetto al dovuto. Il Ccpl invece (gruppo industriale da 850 milioni di valore della produzione), ha presentato ricorso alla commissione tributaria, sostenendo la correttezza del suo operato. Ma la commissione sul punto ha dato torto alla coop: secondo i giudici l’azienda non è «riuscita a dimostrare il concreto collegamento tra la propria attività imprenditoriale e la consultazione della banca dati di un’associazione, come appunto la Nens, che si occupa di studi macroeconomici ed econometrici».
IN PARTICOLARE l’attenzione dell’agenzia delle entrate sarebbe stata catturata da uno studio da 25mila euro. Sugli importi fatturati, gli ispettori del fisco hanno sollevato un’obiezione semplice: i mancati incassi fiscali devono essere ‘ripresi a tassazione’. Dall’associazione Nens, il direttore Giovanni Sernicola si dice sicuro della correttezza del proprio operato. «Noi abbiamo una contabilità trasparente. Emettiamo la fattura, riceviamo il corrispettivo comprensivo di Iva e poi la versiamo».
Ma l’acquisto di questi elaborati da parte del Ccpl è giustificato? Secondo Sernicola sì: «Forniamo dati e studi, principalmente a società cooperative, che per loro è difficile reperire. Elaboriamo una serie di analisi generali e poi altri studi che ci vengono richiesti specificatamente. Spesso ci vengono richiesti approfondimenti di natura fiscale e di mercato». In definitiva «La prestazione da parte nostra c’è stata e abbiamo versato quanto dovuto. E’ chiaro che quando gli ispettori fanno grandi accertamenti su molte voci, ci può essere un contraddittorio».
Ccpl ha annunciato il ricorso: «Nella convinzione della correttezza e della trasparenza del proprio operato, sicuri che le contestazioni siano frutto di una logica interpretativa e non della stringente applicazione delle normative in vigore, Ccpl ricorrerà negli ulteriori gradi di giudizio». La commissione tributaria ha infatti dato ragione all’Agenzia anche sul recupero di tassazione su altre somme: in particolare, spese di rappresentanza che erano state contabilizzate come pubblicitarie, attraverso una serie di sponsorizzazione nei confronti di Comune e Provincia di Reggio Emilia.

Simone Russo (RdC)



   

 

 

1 Commento per “Il centro studi di Bersani e Visco, firmatari di Equitalia, nel mirino del fisco a Reggio”

  1. vandabortolanvanda

    Quando i politici-economisti , negli anni del boom economico, hanno creato le Coop e successivamente le Onlus sapevano bene che mettevano le mani nella marmellata e, per molti è stato un bacino di voti . Molti appalti, zero controlli, stipendi da fame per i lavoratori ma ricchi dividendi a fine anno per Presidenti, amministratori, consiglieri, e accoliti Siamo arrivati a fine corsa: Resta strano quando parlano di ONLUS e di volontariato, una consorteria che non si sa perchè vadano all’Estero a fare quello che possono fare in Italia e senza costi da brivido, che scopriamo sempre a posteriori (solo perchè qualche giornalista vero indaga a fondo su persone che vengono mandate in quei paesi che non ci vogliono, con diarie stratosferiche pagate dai pantaloni che si chiedono perchè continui a crescere il debito pubblico anche dopo che siamo stati dissanguati.) Credo che un VERO governo dovrebbe azzerare oltre a questa burocrazia da ex paesi comunisti tutti. questi organismi mangia soldi , utili a perpetuare l’illegale catena di s.antonio io-ti-aiuto-tu-mi-dai-il voto- Altro che acquisto di politici corrotti, quelli ci saranno sempre.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -