Turchia: linea dura, Erdogan prepara l’esercito

erdogan

17 giu. – Tensione alle stelle in Turchia dove il governo ha minacciato di ricorrere all’esercito per domare le proteste che da tre settimane scuotono il Paese. Per fermare le manifestazioni illegali “c’e’ la polizia, se non basta c’e’ la gendarmeria e se ancora non basta ci sono le forze armate”, ha avvertito il vicepremier, Bulent Arinc.

La linea dura e’ stata confermata dal premier, Recep Tayyip Erdogan, che ha affermato di non riconoscere le “decisioni del Parlamento Ue” che giovedi’ scorso aveva condannato l’uso eccessivo della forza da parte della polizia.

A Istanbul, Ankara e in varie citta’ del Paese i manifestanti si sono scontrati con le forze dell’ordine fino alle prime luci del giorno. Ma stamani la polizia ha revocato il divieto di accedere a piazza Taksim, epicentro delle proteste anti-governative e che era stata chiusa dopo lo sgombero forzato di sabato scorsa: la polizia autorizza i pedoni a entrare nella piazza, ma la circolazione dei veicoli continua ad essere limitata; e’ stata riaperta anche anche la stazione metro nella piazza, mentre continua a essere isolato parco Gezi, dove non permette l’accesso.

La presidente dei Verdi tedeschi , Claudia Roth, è a protestare in Turchia.. Il cancelliere tedesco, Angela Merkel, ha condannato la reazione della polizia che ha definito “davvero troppo dura”.
Da un sondaggio e’ emerso che il 55% dei turchi ritiene che il governo interferisca con lo stile di vita dei cittadini con Erdogan che in un mese ha perso il 7% di consensi.



   

 

 

1 Commento per “Turchia: linea dura, Erdogan prepara l’esercito”

  1. che non venga in mente a qualcuno di far entrare la turchia nella UE, almeno sino a che comandono certi figuri…………………
    Usare l’esercito contro il proprio popolo che quando manifesta, il popolo, non fa mai “azioni illegali” ……………anzi, e’ un suo diritto (Pertini insegna).

    Anzi, dovrebbe essere il popolo a chiamare l’esercito e la polizia per essere difeso dalla degenerazione di chi e’ nella stanza dei bottoni……………..

    E chi e’ nella stanza dei bottoni deve saper ascoltare e mettersi da parte se non e’ piu’ riconosciuto, altro che chiamare l’esercito che sparera’ contro chi?
    Contro i cittadini che dovrebbe difendere? contro amici e parenti che avra’ fra i manifestanti?

    E comunque, le proteste, si domano con le idee e giuste leggi civili e rispettose, non con la repressione armata, non quando e’ il popolo a reagire, non quando si chiede liberta’ anziche’ limitazioni.

    Erdogan, stai per passare alla storia nel peggiore dei modi…………………

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -