Ilva: negato il dissequestro degli 8 mld di Riva

ilva15 giu  Resta sotto chiave il patrimonio di conti correnti, beni immobili e liquidità per 8,1 miliardi di euro sequestrato dal gip di Taranto Patrizia Todisco alla Riva Fire spa, holding che gestisce anche l’Acciaieria Ilva di Taranto. Lo hanno stabilito i magistrati del tribunale del Riesame di Taranto (De Michele, De Tomasi e Ruberto) che questa mattina hanno depositato il dispositivo, senza ancora le motivazioni, di rigetto del ricorso presentato dai legali di Riva Fire Franco Coppi e Carlo Enrico Paliero. Al ricorso hanno invece rinunciato, su impulso dell’amministratore delegato Enrico Bondi, i legali dell’Ilva spa.

UE: confisca dei beni anche quando patrimoni non sono legati ad uno specifico reato

Secondo la procura ionica che indaga sul presunto disastro ambientale, l’enorme cifra è l’equivalente di quanto in circa diciotto anni l’Ilva e la Riva hanno risparmiato nella gestione del siderurgico evitando, con la consapevolezza di inquinare, di investire sull’ambientalizzazione degli impianti.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -