Fondi del Viminale: in carcere l’ex prefetto La Motta e altri 3

francesco-motta-130511085414_mediumROMA 14 Giugno 2013 – Con accuse di peculato e falsità ideologica. Filone dell’indagine riguarda investimento in Svizzera di 10 mln del Fec.

L’ex prefetto Francesco La Motta è stato arrestato su richiesta della Procura di Roma. Il provvedimento cautelare è stato eseguito dal Ros dei carabinieri. L’inchiesta che coinvolge La Motta è quella riguardante la gestione dei fondi del Viminale.

Agli arresti sono finiti anche il banchiere Klaus Beherend mentre Eduardo Tartaglia e Rocco Zullino, già in carcere a Napoli, sono stati raggiunti da una nuovo ordinanza di custodia.

Le accuse contestate nell’ordinanza di custodia eseguita oggi sono peculato e falsità ideologica. Gli accertamenti dei carabinieri sono stati coordinati dal pm Paolo Ielo. Il filone capitolino dell’indagine, avviata a Napoli, riguarda un investimento in Svizzera di 10 milioni di euro del Fec (Fondo edifici di culto), di cui La Motta era l’ex responsabile, affidato secondo chi indaga a Zullino, broker di Lugano, e collaboratore di Tartaglia a sua volta parente di La Motta. Il banchiere Beherend, secondo i Ros e i carabinieri di Napoli, è il soggetto che avrebbe redatto i piani di investimento dei fondi, in collegamento con Tartaglia.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -