Omicidio Pesaro: scoppia la “furia” degli amici della vittima contro i 2 fermati

carabinieri9 giu. – Prima hanno provato ad aggredire i due presunti colpevoli, poi un lungo applauso ai carabinieri, che in meno di 5 giorni avrebbero individuato i due responsabili dell’assassinio di Andrea Ferri, 51 anni, co-titolare di tre stazioni di servizio nel pesarese, ucciso a Pesaro nella notte di lunedi’. Gli amici di Ferri si erano radunati davanti al comando provinciale dei carabinieri, in attesa del trasferimento in carcere delle due persone, un macedone e un italo-africano, sottoposte a fermo di polizia giudiziaria.
Hanno inveito soprattutto contro il macedone, che lavorava in una delle stazioni di servizio di Ferri.

 

L’uomo e’ uscito per primo dalla caserma, stretto tra i carabinieri, ed e’ scattato un tentativo di aggressione, prontamente bloccato dal cordone di militari che, evidentemente, si aspettavano una reazione forte. Stessa sorte per l’altro fermato, l’italo-africano.
Pugni e calci contro le auto dei carabinieri, che sono riuscite ad allontanarsi, ad alta velocita’, verso il carcere pesarese di Villa Fastiggi. Dopo le urla, si e’ alzato un lungo e fragoroso applauso ai militari: alcuni degli amici della vittima hanno percorso la scalinata del comando provinciale e hanno stretto la mano agli uomini dell’Arma. (AGI) .

Una rapina, sfociata in un omicidio sotto la spinta dell’odio oltre che della sete di denaro. Un macedone e un italiano di origine nordafricana sono stati fermati da ieri dai Carabinieri di Pesaro che li ritengono responsabili dell’assassinio di Andrea Ferri, del 4 giugno scorso. Questa mattina sono stati trasferiti nel carcere pesarese di Villa Fastiggi, a disposizione dell’autorita’ giudiziaria. Secondo la ricostruzione dei Carabinieri, il macedone, dipendente di Ferri in una delle pompe di carburante, avrebbe sparato per rubare al suo titolare le chiavi elettroniche che danno accesso al caveau del distributore di Montecchio, dove era conservata una somma significativa di denaro. Un omicidio “mirato” alla rapina, dunque



   

 

 

3 Commenti per “Omicidio Pesaro: scoppia la “furia” degli amici della vittima contro i 2 fermati”

  1. …quanto manca al loro rilascio con tanto di foto commemorativa assieme al ministro per la cancellazione dei reati e delle notizie di cronaca legate agli immigrati?

  2. Per tutto questo dobbiamo ringraziare la nostra Presidente della Camera dei Deputati Sua Eccellenza Sig. Laura Boldrini,ed anche la Ns. Responsabile del Dicastero dell’Integrazione Sua Eccellenza Signora Kashetu Kyenge(nome di battesimo) per gli amici Cecile….ed anche il Presidente della Regione Puglie Sig. (o forse Signora) Nicol Vendola perchè si è informata la popolazione italiana su questo clima di terrore che si sta generando in Italia…non dovuto dagli italiani, che hanno avuto la colpa di incontrare o dar lavoro a codesti individui…( rimettendoci la pelle come il povero Sig. Ferri…)…o a tutte i fatti di cronaca che si leggono sui giornali(non autorizzati a pubblicizzarli secondo Vendola)…riguardanti il flusso migratorio pseudo-malavitoso che entra nelle patrie frontiere….da noi per forza di potere istituzionale …dobbiamo accettare tutto….mentre se un italiano va all’estero e commette un reato….difficilmente tornerà vivo….
    Io come cittadino italiano….consiglio….di cambiare e far cambiare atteggiamento….perchè se si va anche nella civilissima europa multintegrativa….se non rispetti le leggi e i doveri dello stato ospitante…ti danno prima… tante di quelle legnate da toglierti il vizio di fare il bullo…e poi ti rispediscono subito in Italia…come persona indesiderata per quel governo…e poi difficilmente rientri…..Capito Signori…..

  3. Queste “signori” al governo ci stanno facendo diventare razzisti per necessità/sopravvivenza e ancora non l’hanno capito.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -