Marò, De Mistura: il processo sarà rapido ed equo

Maro

6 giu –  “Tutte le indicazioni che abbiamo fanno sperare in un processo che sarà rapido ed equo ai nostri maro’ e che questa storia finirà in fretta”. E’ quanto riferisce l’ambasciatore Staffan de Mistura, inviato speciale del presidente del Consiglio per il caso marò, che ha seguito dall’inizio, nelle vesti in precedenza di sottosegretario al ministero degli Esteri. I fucilieri Salvatore Latorre e Massimiliano Girone, accusati di aver ucciso due pescatori indiani, sono rientrati in India a fine marzo.

“Sui tempi specifici preferisco restare cauto, viste le sorprese del passato -premette il diplomatico, presente nella Sala Marconi di Radio Vaticana in qualita’ di ex studente alle scuole dei gesuiti, che domani incontreranno Papa Francesco in Vaticano- però la strada che mi pare si stia delineando va nella direzione di tempi brevi e di un risultato equo che permetta ai nostri militari di tornare in Italia e di riprendere il loro lavoro”. Del resto, “i rapporti con l’India sono cambiati radicalmente, dal momento in cui abbiamo mantenuto la nostra parola, che avevamo dato per iscritto”.

De Mistura annuncia: “Domenica prossima mi recherò in India, sia per stare di nuovo vicino ai nostri maro’, sia per proseguire il lavoro diplomatico e giuridico che stiamo facendo. Loro stanno bene, vivono e lavorano nell’ambasciata italiana, sono regolarmente visitati dalle loro famiglie e possono muoversi dove vogliono, sia a Delhi che nel resto dell’India. Ma non è casa loro: la loro casa è il reggimento, la loro patria, la loro famiglia. Per questo -conclude il diplomatico- dobbiamo riportarli a casa”.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -