Ilva, M5S: chiusura dell’area a caldo e reddito di cittadinanza ai lavoratori

m5s 5 giu – ”Sabato prossimo, alle ore 18, i deputati del M5S incontreranno i cittadini di Taranto nell’ottica di una partecipazione pubblica e di una discussione in merito alle prospettive dell’impianto siderurgico Ilva. Il M5S – si legge in una nota del gruppo M5S a Montecitorio – proporra’ ai tarantini la sua idea per risolvere la complicata questione ambientale e occupazionale: la chiusura dell’area a caldo, il reimpiego di parte dei lavoratori nella bonifica e la garanzia del reddito di cittadinanza per tutti gli altri”.

Il deputato M5S Diego De Lorenzis spiega: ”L’area a caldo, incompatibile con la salute, deve essere chiusa, perche’ e’ impossibile effettuare una bonifica ambientale mantenendo attiva la fonte inquinante. E’ proprio per questo che vogliamo incontrare gli abitanti di Taranto – conclude De Lorenzis – perche’ sono gli unici ad avere il diritto di prendere in mano la propria vita e decidere del futuro, dopo essere stati calpestati per tanto tempo”.



   

 

 

3 Commenti per “Ilva, M5S: chiusura dell’area a caldo e reddito di cittadinanza ai lavoratori”

  1. Ho letto questo commento sopra l’articolo “Poi si offendono se qualcuno pensa che siano al soldo di qualche potenza straniera…” ecc.. ecc…
    (commento tagliato)

    • Lei deve commentare gli articoli, non le opinioni degli altri. che sono ancora di liberi di pensare, se non le dispiace.

      • Il commento in testa all’articolo è stato postato da Imola oggi su FB. Come libero pensante ho risposto al genio libero pensante.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -