Bocciata proposta voto a 16enni. Grillo: i partiti bloccano il cambiamento

grillo

30 magg – Attacco di Beppe Grillo ai ”maestrini dalla penna rossa” che dopo le comunali hanno criticato il M5S. Dito puntato anche contro Stefano Rodota’, cui Grillo allude come a ”un ottuagenario miracolato dalla Rete, sbrinato di fresco dal mausoleo dove era stato confinato dai suoi a cui auguriamo di rifondare la sinistra”.

“Pdl, Pd, Lega, Scelta Civica con Monti gettano la maschera. I rappresentanti della partitocrazia, hanno bocciato al Senato le proposte di Riforma contenute nella mozione del Movimento 5 Stelle”. Lo scrive Beppe Grillo sul suo blog a proposito del voto di ieri in Parlamento sulle mozioni per le riforme costituizionali.

Mozione del M5S: “Abbassare il diritto di voto a 16 anni”

Al primo punto il MoVimento 5 Stelle chiedeva “ancora prima di iniziare il percorso di riforme sulle forme di Stato o di governo, di indire un referendum consultivo d’indirizzo con diritto voto esteso ai 16 enni”. Un referendum da svolgere “su vari punti sull’opportunità di modificare e in quale modo la Costituzione in parti importanti, con un dibattito approfondito anche nelle scuole di almeno 6 mesi”.

Gli Italiani si stanno dissanguando per salvare le banche spagnole

Stanno per mangiarsi le nostre banche per tamponare la maxi-falla di Wall Street

220 miliardi di euro per incentivi alle fonti rinnovabili

Fotovoltaico: uno scandalo da 6 MLD di euro l’anno (solo in Italia!)

E intanto l’Italia versa altri 2,8 mld al fondo salva Stati  GRILLO (che si era proposto come salvatore dell’Italia) PENSA ALLE BRICIOLE

Cosa aspetta Grillo a chiedere che sia stracciato il Trattato di Maastricht?

Grillo ricorda che è stata “bocciata anche la proposta che indirizzava il Parlamento a procedere in tempi rapidi ad una limitata riforma della seconda parte della Costituzione con la riduzione del numero dei deputati e dei senatori, la riduzione del numero dei consiglieri regionali, la soppressione delle Province, l’accorpamento di Comuni, l’introduzione del referendum propositivo e consultivo senza quorum, l’eliminazione di ogni quorum per il referendum abrogativo, la fissazione del numero massimo di mandati elettorali a qualsiasi livello pari a due, la previsione dell’incandidabilità alla carica di deputato e senatore di coloro che sono stati condannati con sentenza definitiva, sulle leggi di iniziativa popolare, un termine perentorio entro cui il Parlamento abbia l’obbligo di esaminarle”.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -