UE: istituzione di un tribunale penale per i reati ambientali

dittaturaverde

29 magg – Mobilitazione oggi a Bruxelles per l’istituzione di un tribunale penale europeo dell’ambiente e per l‘estensione delle competenze della Corte penale internazionale dell’Aja agli eco-reati piu’ gravi. A promuoverla la Fondazione Sejf (Fondazione per la giustizia ambientale sovranazionale), con un incontro con gli eurodeputati della rete di Globe (organizzazione internazionale legislatori), che riunisce parlamentari di 70 Paesi del mondo.

”Per risolvere la ‘questione ambiente’ che e’ al centro della politica della sostenibilita’, e’ necessario prima di tutto considerare l’aspetto della responsabilita’ di chi lo distrugge o di chi lo danneggia” spiega il presidente di Sejf, Antonino Abrami, ex magistrato della Corte d’appello di Venezia, che sottolinea ”l’inadeguatezza” della giustizia su questo fronte. ”Serve uno scatto in avanti – aggiunge Abrami – per garantire a livello europeo un sistema sanzionatorio uniforme e a livello mondiale un riconoscimento del disastro ambientale come crimine contro l’umanita’ ”, basti pensare ai danni provocati dalla fabbrica di pesticidi di Bophal in India o a quelli provocati dalla petroliera Haven.

Prossima tappa della campagna sara’ un convegno il 21 giugno a Venezia, dove verranno presentate le proposte per una riforma della tutela ambientale a livello internazionale.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -