Ocse: l’Italia restera’ in recessione a causa dell’austerity

monti_asino 29 mag. – L’Italia “restera’ in recessione per tutto il 2013 a causa degli effetti sull’attivita’ economica del consolidamento fiscale e della stretta sul credito“. E’ quanto prevede l’Ocse nel suo Economic Outlook. “L’occupazione e le ore lavorate”, prosegue l’Ocse, “continueranno a calare, pesando sui bilanci delle famiglie e sulla spesa per consumi”.

Disastro Monti: Corte dei Conti boccia l’austerity, crisi e’ costata 230 miliardi

I cialtroni del rigore hanno sbagliato i conti e ci hanno imposto il “macellaio” Monti

Nonostante le ricapitalizzazioni, sottolinea ancora l’organizzazione di Parigi, il settore bancario non riuscira’ a sostenere gli investimenti e i consumi a causa dei bilanci in perdita. Nei dettagli, l’Ocse prevede per l’Italia un Pil in calo dell’1,8% nel 2013 e in crescita dello 0,4% l’anno successivo .

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -