L’Osce scrive alla Bonino: L’Italia depenalizzi il reato di diffamazione

Condividi

 

bonino2

29 magg – “In una moderna democrazia nessuno dovrebbe essere imprigionato per quello che scrive”, scrive Dunja Mijatovic (rappresentante dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa) al ministro degli Esteri Emma Bonino. “L’Italia riformi la legge e depenalizzi il reato di diffamazione”.

L’Italia riformi la legge e depenalizzi il reato di diffamazione. Lo abbiamo chiesto varie volte, chiedendo ai politici di mettere mano alla materia.

La rappresentante per la libertà dei media dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, Dunja Mijatovic, in una lettera al ministro degli Esteri Emma Bonino esprime “preoccupazione” per le pene detentive inflitte per diffamazione ai tre giornalisti di Panorama, il direttore Giorgio Mulè, Andrea Marcenaro e Riccardo Arena. “In una moderna democrazia nessuno dovrebbe essere imprigionato per quello che scrive”, scrive Mijatovic. Difficile dargli torto. Ma cosa ha “combinato” di così grave Panorama? Un articolo in cui si affermava che la Procura di Palermo è politicizzata.

Nella lettera al ministro Bonino la Mijatovic ricorda anche il caso Sallusti e sottolinea il fatto che la Corte europea dei diritti dell’uomo ha stabilito ripetutamente che “la reclusione per il reato di diffamazione è sproporzionata e dannosa per una società democratica”. E prosegue: “I tribunali civili sono del tutto in grado di rendere giustizia alle rimostranze di coloro i quali si ritengano danneggiati nella propria reputazione”.

“La reclusione per diffamazione ha un grave effetto raggelante che mina l’efficacia dei mezzi di comunicazione”, dichiara ancora Mijatovic. “Continuerò a lavorare a stretto contatto con le autorità italiane per promuovere la depenalizzazione della diffamazione. Dovrebbe essere fatto presto per evitare ulteriori accuse di diffamazione e per stimolare l’attività giornalistica investigativa”, sottolinea infine la rappresentante per la libertà dei media dell’Osce, che esorta tutti gli altri Stati membri dell’organizzazione che hanno leggi penali sulla diffamazione ad abrogarle. Sarà la volta buona? Noi ce lo auguriamo.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -