Ilva, Camusso: dimissioni del Cda? Garantire comunque la produzione

Condividi

 

ilva25 mag. – “E’ indubbio che la notizia e’ preoccupante. L’unica cosa che al momento siamo in grado di dire rispetto alla quale, e’ che deve essere garantita la continuita’ di direzione degli stabilimenti e la continuita’ produttiva dei medesimi”: cosi’ il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, ha commentato le dimissioni del Cda dell’Ilva.

Il leader sindacale e’ arrivato nel pomeriggio a Bologna per partecipare al workshop ‘L’innovazione come governance’ in programma al Museo della Storia .

Su disposizione della Procura di Taranto, la Guardia di Finanza ha avviato a Taranto una serie di sequestri di beni e patrimoni dei Riva cui fanno capo gli impianti siderurgici dell’Ilva, da mesi al centro di un’inchiesta giudiziaria con arresti per il reato di disastro ambientale. Si ipotizza che il valore dei beni sequestrati si aggiri attorno agli 8 miliardi.

Bruno Ferrante, Enrico Bondi e Giuseppe De Iure si sono quindi dimessi dal Cda dell’Ilva.
”Il Consiglio di amministrazione di ILVA – si legge in un comunicato diffuso al termine del consiglio di amministrazione che si e’ tentuo a Milano – ha esaminato oggi il provvedimento del GIP di Taranto del 22 maggio e ha dato mandato ai propri legali di impugnarlo nelle sedi competenti.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -