Soldato ucciso a Londra, Cameron: è un tradimento all’islam

DavidCameron

23 magg – “Questo non è solo un attacco alla Gran Bretagna, questo è tradire l’Islam. Non c’é nulla nell’Islam che giustifichi questo atto”. Lo ha detto il primo ministro britannico David Cameron. “Chi ha fatto questo cerca di dividerci, ma dovrebbe sapere che il risultato è renderci più uniti e renderci più forti”, ha aggiunto. Parlando davanti a Downing Street il giorno dopo l’attacco in cui due uomini hanno ucciso un soldato nel sud est di Londra, il primo ministro britannico David Cameron ha citato la capo scout diventata eroina, Ingrid Loyau-Kennett, che ieri ha affrontato agli attentatori sul posto del massacro. “Quando le è stato detto ‘Vogliamo cominciare una guerra a Londra’, lei ha risposto: ‘siete soli contro molti, perderete’. Così facendo, lei ha parlato per tutti noi”, ha detto il premier.

Una donna ha sfidato i due africani accusati di aver ucciso a coltellate a Londra un soldato britannico e ha spiegato di essere intervenuta perché pensava che fosse meglio che “le armi fossero puntate su una sola persona”. Il capo scout Ingrid Loyau-Kennett, 48 anni, ha dichiarato al Daily Telegraph che uno degli uomini le ha detto di voler “cominciare una guerra a Londra stasera”, dopo che lei aveva domandato agli attentatori perché avevano compiuto l’aggressione. La donna, madre di due bambini, era accorsa sul posto dopo aver visto la vittima al suolo e ha cercato di sentire il battito del suo polso. E’ stato in quel momento che ha visto le armi, un coltello e un revolver. “Non era drogato, non era ubriaco, era solo emozionato, sconvolto – ha riferito la donna -. Gli ho detto ‘ora avete contro un sacco di gente, che volete fare?’ e lui ha risposto ‘vorrei restare e combattere'”. La donna si è quindi rivolta al secondo attentatore e gli ha domandato di consegnarle le armi: “Ho pensato che era meglio che fossero puntate verso una persona come me piuttosto che verso chiunque altro, in un momento in cui i bambini cominciavano ad uscire da scuola”.

Comandanti militari hanno chiesto ai soldati britannici di evitare di mostrarsi in pubblico in divisa, fino a ulteriore comunicazione, dopo l’attacco ieri contro un soldato ucciso a colpi di machete da due uomini nel sud di Londra, poi feriti e catturati. Lo riferisce Sky News citando proprie fonti.

L’uomo britannico ucciso a coltellate ieri pomeriggio nel sud est di Londra era un soldato. Lo confermano fonti governative alla Bbc.

Fonti investigative citate dall’agenzia Reuters hanno confermato a tarda sera il verosimile legame con la Nigeria dei due sospetti responsabili della feroce aggressione e dell’uccisione di un uomo indicato come un soldato britannico nel pomeriggio a Londra. Le fonti, parlando sotto copertura dell’anonimato, hanno ipotizzato legami nigeriani, senza fornire dettagli. Legami che sarebbero comunque emersi sulla base delle prime risultanze delle indagini e dell’esame delle immagini video in cui compaiono i due sospetti attentatori, uno dei quali scandisce minacce e slogan islamici. In precedenza la stessa voce era circolata su Twitter, dove un presunto conoscente aveva individuato uno dei due killer come Michael Adeboloja: giovane di origine nigeriana trapiantato a Londra e che avrebbe cambiato il suo nome in ‘Mujahid’ dopo essersi convertito dal cristianesimo all’Islam.

In pieno pomeriggio e’ esplosa la violenza, per strada, nel sud di Londra. Ed e’ tornato il terrore in citta’ e nel Paese, per quel grido: ”Allah Akbar”. Cosi’ due uomini si sono scagliati ieri contro un soldato e lo hanno ucciso a coltellate. Avevano armi da taglio, fra cui una mannaia. Subito si e’ pensato a un attacco terroristico. E a confermarlo, qualche ora dopo, e’ stato David Cameron in conferenza stampa a Parigi. Le indagini sono ancora in corso per stabilire quanto accaduto ”ma ci sono forti indicazioni che sia un atto legato a terrorismo”, ha detto il premier. ”Abbiamo gia’ avuto questo genere di attacchi in Gran Bretagna, ma non ci siamo mai piegati. I terroristi non vinceranno mai”.

Condividi l'articolo

 



   

1 Commento per “Soldato ucciso a Londra, Cameron: è un tradimento all’islam”

  1. il liberista cameron è ormai un’ imam a tutti gli effetti, manca solo che cominci ad emettere fatwe

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -