Save the children lancia l’allarme infanzia: “Italia agli ultimi posti in Europa”

infanzia

20 mag. – E’ un vero ‘furto di futuro’ quello in corso ai danni di bambini, adolescenti e giovani che vivono in Italia. La poverta’ nelle sue varie forme – sociale, economica, d’istruzione, di lavoro – li sta colpendo come non mai derubandoli di prospettive e opportunita’. E con il futuro di chi e’ giovane oggi si sta disintegrando quello dell’Italia tutta. E’ l’allerta lanciata dalla ong Save the Children con la campagna ‘Allarme Infanzia’ (www.allarmeinfanzia.it). Un adolescente su quattro, rivela la ricerca ‘Le paure per il futuro dei ragazzi e genitori italiani’, pensa che il proprio futuro sia piu’ difficile di quello dei genitori e spera di andare all’estero per assicurarsi un’opportunita’.

IL RAPPORTO DI SAVE THE CHILDREN (pdf)

Quattro le principali e piu’ pesanti ‘ruberie’ commesse a spese del ‘giovane capitale umano’ e riportate dal nuovo dossier di Save the Children ‘L’isola che non sara” diffuso insieme alla indagine “Le paure per il futuro dei ragazzi e genitori italiani” e realizzato per l’organizzazione da Ipsos per il lancio della campagna ‘Allarme infanzia’: il taglio dei fondi per minori e famiglia, con l’Italia al 18esimo posto nell’Europa dei 27 per spesa per l’infanzia e famiglia, pari all’1,1% del Pil; la mancanza di risorse indispensabili per una vita dignitosa: dunque ‘furto’ di cibo, vestiti, vacanze, sport, libri, mensa e rette scolastiche e universitarie (quasi il 29% dei bambini sotto i 6 anni, pari a 950.000 circa, vive ai limiti della poverta’ tanto che il nostro paese e’ al 21esimo posto in Europa per rischio poverta’ ed esclusione sociale fra i minori 0-6 anni, e il 23,7% vive in stato di deprivazione materiale). E ancora: il furto d’istruzione e’ la terza ruberia con l’Italia 22esima per giovani con basso livello d’istruzione (il 28,7% tra i 25 e i 34 anni per dispersione scolastica, pari al 18,2% di under 25 e l’Italia all’ultimo posto per tasso di laureati: il 20% dei giovani fra 30 e 34 anni, pari a 760.000; furto di lavoro: disoccupati sono il 38,4% degli under 25, il quarto peggior risultato a livello europeo mentre i Neet (giovani che non lavorano e non sono in formazione) sono 3 milioni e 200.000 e posizionano il nostro paese al 25esimo posto su 27. “Per quantificare il furto di futuro che si sta commettendo ai danni delle giovani generazioni, Save the Children ha utilizzato 12 indicatori Eurostat che permettono di comparare le chance dei bambini italiani con quelle dei loro coetanei europei”, ha spiegato Valerio Neri, direttore generale Save the Children Italia, “il risultato, riassunto in 5 mappe e classifiche dei 27 paesi dell’Ue, compresa l’Italia, e’ deprimente. Considerando i diversi indicatori, il nostro paese si posiziona per 7 volte oltre il ventesimo posto in classifica. Un posizionamento molto negativo che Save the Children ha tradotto in una mappa sintetica in cui l’Italia appare di dimensioni molto ridotte rispetto alle attuali, a indicare la perdita di futuro per i bambini e adolescenti, rispetto ai quali stanno peggio solo i minori di Bulgaria e Grecia”.

Condividi l'articolo

 



   

1 Commento per “Save the children lancia l’allarme infanzia: “Italia agli ultimi posti in Europa””

  1. Ma di che i preoccupano? Già la Sig.ra Bonino ha affermato che tra poco ci manderanno qua altri 50 milioni di africani… E che ce ne facciamo dei nostri bambini? Lasciamoli pure crepare oggi, tanto non serviranno più…

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -