La Bonino abbandona i marò: avranno un processo veloce e giusto in India

bonino

16 magg – La strada per risolvere la crisi tra l’Italia e l’India sulla vicenda dei due marò è quella di un processo veloce e giusto a New Delhi.

Lo ha detto oggi il ministro degli Esteri italiano Emma Bonino in Parlamento, auspicando al tempo stesso che il governo italiano affronti quanto prima i problemi della sua giustizia, più volte denunciati dal tribunale dei diritti dell’uomo di Strasburgo, perché non si può chiedere all’estero quello che viene spesso disatteso in Italia.

I due fucilieri di marina, accusati di avere ucciso due pescatori indiani mentre erano in missione antipirateria a bordo di una nave commerciale italiana, “saranno sottoposti ad una nuova procedura di indagine a New Delhi che dovrebbe durare due mesi e in applicazione di una legge che esclude la pena di morte“, ha detto il ministro in un’audizione alle commissioni Esteri congiunte di Camera e Senato.

“Un processo fast and fair è la strada da seguire, bisogna trovare un modo per portare a casa marò e questa strada di dialogo e fermezza ci potrà consentire di risolvere la questione”, ha aggiunto.

L’Italia sostiene che la sparatoria sia avvenuta in acque internazionali e che la competenza a giudicare dei militari nell’esercizio delle loro funzioni spetti alla giustizia italiana.

Il precedente ministro degli Esteri Giulio Terzi si era dimesso in segno di protesta contro la decisione del governo di far rientrare i due militari in India, dove sono sottoposti ad un regime di semilibertà per essere processati di omicidio.

“Ma bisogna adeguare le richieste esterne con le pratiche interne”, ha subito aggiunto la Bonino. “Questa situazione di essere i primi ad essere condannati dalla Corte europea dei diritti dell’uomo sulla lunghezza dei processi, la violazione dei diritti della difesa e la situazione carceraria è intollerabile umanamente e spero che il governo intervenga”. reuters

Condividi l'articolo

 



   

5 Commenti per “La Bonino abbandona i marò: avranno un processo veloce e giusto in India”

  1. On: Bonino, la stimavo………..ora non più………

  2. È il ministro degli Esteri di tutti gli italiani o il ministro degli Esteri per il “femminismo”? Non ci sono parole!

  3. ma allora cambiato il governo la musica e’ sempre la stessa e cioe’ calarsi le braghe innanzi a tutti!! Ma vogliamo cominciare ad essere piu’ nazionalisti?? quando si capira’ che l’ITALIA viene prima di tutti e che i nostri Maro’ NON SI TOCCANO sono nostri soldati che cominciassero a prendere esempio da altre nazioni al mondo primis igli americani gli inglesi i francesi che mettono la vita dei loro figli con la divisa avanti a tutto!!!!!! alzate il culo dalle poltrone comode e ben pagate e LIBERATE i nostri MARO’ altrimenti stop all’ingresso di questi straccioni in ITALIA !!!!!! ora bstaaaaaaaaaa liberate i nostri soldati

  4. Notate la sconcia disonestà morale ed intyellettuale di questi cialtroni al governo: non possono, a loro dire, espellere delinquenti africani perchè al loro paese rischiano la pena di morte, quindi DEVONO lasciarli qui in Italia per non violare i soliti “diritti umani”. Invece, i nostri marò sono stati consegnati all’India e lasciati lì a subire un processo anche se potrebbero essere condannati a morte.
    Cioè: un extracomunitario è da salvaguardare a tutti i costi, mentre per i nostri militari… CHISSENEFREGA, e che crepino.
    Comunisti e terzomonditi infami! Mi auguro che presto dobbiate render conto alla Giustizia e al Popolo delle vostre sconce malefatte.

  5. Wanda Cosotti · Socio titolare presso Albergo Ristoranta Della Torre boccioleto

    Non ci sono parole…vorrei ricordare che i marò sono persone, non sono cose di proprietà dello stato. I ministri dovrebbero servire il paese e i propri cittadini, cosa che invece non fanno per nulla. MUOVETEVI invece di bla bla bla

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -