Decrescita continua, Pil negativo per il 7° trimestre consecutivo

recessione14 magg – Cala dello 0,5% il Pil del primo trimestre. Lo comunica l’Istat sottolineando come il calo trimestrale si attenua rispetto all’ultimo trimestre 2012 (-0,9%). Meno forte anche il calo rispetto all’anno precedente (-2,3%) contro il -2,8%.

E’ dell’1,5% il calo del pil già acquisito per l’anno in corso. Il Governo prevedeva -1,3% annuo.

Il primo trimestre del 2013 e’ il settimo consecutivo in cui si registra un calo del Pil. Un’analoga situazione non si e’ mai registrata dall’inizio delle serie storiche, nel primo trimestre 1990. Il calo congiunturale del prodotto interno lordo nel primo trimestre 2013 è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto nei comparti dell’industria e dei servizi e di un aumento nel settore dell’agricoltura.

La Francia e’ entrata in recessione, con un calo dello 0,2% del Pil: lo stima l’Istituto nazionale di statistica. La recessione, tecnicamente, corrisponde a un calo del Pil per due trimestri consecutivi.

Il potere d’acquisto delle famiglie francesi ha registrato nel 2012 un record negativo dello 0,9%: lo annuncia l’istituto di statistica nazionale (Insee). L’istituto , a fine marzo, aveva valutato un ribasso dello 0,4%. Rivisto al ribasso anche il dato sui consumi, allo 0,4% contro il precedente 0,1%.

GERMANIA, PIL PRIMO TRIMESTRE +0,1% – Il pil della Germania è cresciuto dello 0,1% nel primo trimestre 2013 con una crescita ritenuta debole a causa di un inverno particolarmente rigido. Lo comunica l’ufficio tedesco di statistica dopo aver rivisto al ribasso per la seconda volta il pil del quarto trimestre 2012 (-0,7%).

UE-17: PIL PRIMO TRIMESTRE -0,2%, -1% SU BASE ANNUA – Nel primo trimestre del 2013 il Pil dei 17 Paesi dell’Eurozona ha registrato nel complesso una riduzione dello 0,2% rispetto all’ultimo trimestre del 2012 facendo cosi’ registrare il quarto calo consecutivo. Su base annua, ovvero rispetto al primo trimestre 2012, la flessione del Pil dell’Eurozona e’ stata dell’1%. Le prime stime diffuse oggi da Eurostat indicano che nell’insieme dei 27 Paesi Ue il Pil, nel periodo gennaio-marzo di quest’anno, è sceso dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e dello 0,7% nei confronti del primo trimestre 2012. Eurostat ricorda che nel periodo ottobre-dicembre 2012 il Pil aveva registrato una flessione dello 0,6% rispetto al trimestre precedente della zona euro e dello 0,5% nell’Ue a 27. I Paesi che hanno chiuso il primo trimestre con il segno meno rispetto ai tre mesi precedenti, secondo i dati finora disponibili, sono: Cipro (-1,3), Repubblica ceca (-0,8), Italia e Spagna (-0,5), Portogallo (-0,3), Francia (-0,2), Olanda e Finlandia (-0,1). La Germania ha registrato un più 0,1% e la Gran Bretagna un più 0,3%.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -