Duro attacco di Brunetta al “deputato” Boldrini

Boldrini1

14 magg – Duro attacco in Aula del capogruppo del Pdl, Renato Brunetta, verso la presidente Laura Boldrini, accusata di avere “due pesi e due misure” per non aver condannato quanto accaduto a Brescia durante la manifestazione del Pdl e per non aver preso le distanze dai manifestanti di Sel e M5s.

L’asprezza dei toni si evince dall’esordio. Brunetta si rivolge alla presidente chiamandola semplicemente “deputato”, “visto che lei – dice – chiama il sottoscritto presidente di gruppo ‘deputato'”. “Io a Brescia c’ero – prosegue – e ho dovuto essere scortato in formazione militare per svolgere le mie libere funzioni di esponente politico. Io a Brescia c’ero e ho sentito insulti da persone del suo partito e ho visto teppisti sotto le bandiere di Sel. Ho visto bandiere dei militanti Cinque stelle e persone che ci insultavano e impedivano una libera manifestazione”.

In Aula si levano proteste e Boldrini invita a far continuare Brunetta. “La ringrazio – dice ironico il capogruppo Pdl – per questa concessione, onorevole presidente. Io a Brescia c’ero e ho sentito il discorso del presidente Berlusconi sulla magistratura ed era un discorso da campagna elettorale in cui esprimeva le sue idee sulla riforma della giustizia e della magistratura, non ho sentito insulti alla magistratura”.

Poi l’affondo. “Non ho sentito da lei – insiste Brunetta – nessuna presa di distanza dal suo partito, né prese di distanza dal M5s. Ha due pesi e due misure sulla solidarietà? Questo non è consentito a nessuno. Il suo precedessore del suo partito era equanime ed equlibrato nella difesa delle prerogative di questa Camera”.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -