Schaeuble suggerisce un’unione bancaria in due tempi

Schaeuble

13 mag. – Il progetto europeo di unione bancaria andrebbe attuato in due tempi, partendo dalla costituzione di un coordinamento tra le autorita’ locali per poi giungere alla costituzione di un meccanismo unico. E’ quanto sostiene il ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble, in un articolo a sua firma apparso sul ‘Financial Times’. Emendare i trattati per creare un meccanismo di risoluzione unico, che consenta di liquidare un istituto quando necessario, “richiede tempo”, scrive Schaeuble, “per fortuna, l’alternativa non e’ tra un’autorita’ di risoluzione legalmente traballante oggi e un rinvio della ristrutturazione delle banche”.

“Un approccio in due tempi potrebbe partire da un meccanismo di risoluzione basato su una rete di autorita’ nazionali”, suggerisce quindi il ministro tedesco, “invece di un singolo fondo di risoluzione europeo, che l’industria impiegherebbe anni a riempire, un modello simile si appoggerebbe su fondi nazionali che gia’ esistono in diversi stati membri”.

Lo scorso giugno i leader Ue avevano promesso di creare un'”unione bancaria” costituita da un sistema di vigilanza e un meccanismo di risoluzione comuni a tutto il blocco. Da allora pero’ sono emerse numerose divergenze sulla futura architettura dell’organismo. La Germania, in particolare, ha sollevato dubbi sulla stessa opportunita’ del progetto .



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -