Epifani per dormire due notti ha speso la paga di un operaio

guglielmo-epifani

13 MAGG – Evidentemente ci sono nell’aria questioni molto più pesanti, ma non è nemmeno il caso di liquidare questa tra le semplici amenità. Siamo sempre nel campo minato dei gesti simbolici: in sé magari non inauditi, ma quanto a significato e a impatto molto più efficaci di tanti solenni discorsi.

Può Guglielmo Epifani, leader della Cgil, cioè del sindacato attualmente più radicale e più intransigente, permettersi il lusso – e stavolta non è solo un modo di dire – del soggiorno negli alberghi frequentati solitamente da sceicchi, mogli di Beckham e popstar?
Nell’impeto ideale del 25 Aprile, la notizia è passata tranquillamente sotto silenzio. Ma questo non significa che sia insulsa. In questo caso, il cliente dell’Hotel Pierre e dell’Hotel de la Ville, dimore di lusso e di charme nel centro chic di Milano, non è un uomo d’affari texano o un magnate russo del petrolio: è l’ultima icona di una certa ribellione ideologica, al limite della lotta di classe, che proprio in questo periodo dà sfogo al malcontento e alla rabbia dei ceti più poveri, contro i privilegi e gli agi dei ricchi.

Tanto per essere chiari fino in fondo: Epifani non ha ucciso nessuno. Non è il caso di farne uno scandalo epocale, come qualche veterobacchettone di estrema destra ancora fa al personaggio di sinistra che veste bene o mangia salmone. Certi schemi sono superati. Il cachemire di Bertinotti ci ha abituati ad abbattere certe barriere e certi schematismi da dopoguerra. Che il compagno non debba più mangiare pane e cipolle l’hanno ormai compreso e accettato quasi tutti. Ma è altrettanto chiaro che il caso-Epifani va un po’ oltre. Epifani raggiunge il palco del 25 Aprile e legge un discorso scritto sulla carta intestata del superalbergo extralusso, con un firmamento di stelle a documentare l’esclusività del luogo. Come simbolo, suona eclatante. La polemica politica è fatta anche di queste cose. Ogni gesto ha un significato. Le alte personalità lo sanno, e di conseguenza si adeguano. Non è un caso che in pieno cataclisma finanziario persino il bel mondo dei vip abbia subito cercato di dare meno nell’occhio, abbassando i toni, abolendo le esibizioni di lusso, esibendo se mai smaccati segni di sobrietà e di ravvedimento, come il riciclo di vecchi indumenti o l’abolizione delle feste più sfacciate. Chiara ipocrisia, ovviamente. Ma sufficiente per dimostrare come in certi luoghi e in certi periodi i segni contino più di tante analisi cosmiche.

Nulla vieta a Guglielmo Epifani di pagare 1.100 euro per dormire due notti in albergo. Se è contenta la Cgil di conservarlo così bene, liberissima di pagargli il meglio. Ma purtroppo Epifani non è solo un privato cittadino che può fare tranquillamente quello che gli pare e piace. Per sua scelta, da tempo è un’altra cosa. È il moralista e il moralizzatore della società italiana, paladino di tutti i derelitti, fustigatore di tutti i privilegiati. Il sindacalista da 550 euro a notte è lo stesso, se non ha un sosia, che soltanto tre settimane prima, dal palco del Circo Massimo, scatenava la platea con la pretesa di «estendere una moralità forte contro la piaga dei super-stipendi e dei super-bonus». Sempre lui è l’implacabile Robin Hood che applaude la decisione inglese di alzare le tasse ai ricchi, chiedendo a gran voce la stessa cosa in Italia. È lo spietato contabile che dimostra, cifre alla mano, come un nostro manager guadagni duemila volte più di un precario. […] IL GIORNALE

Condividi l'articolo

 



   

2 Commenti per “Epifani per dormire due notti ha speso la paga di un operaio”

  1. è solo uno dei tantissimi STRONZI prestati alla politica i sindacalisti poi sono i peggiori in assoluto,vedi MARINI,LAMA,BENVENUTO,BERTINOTTI…..ETEC ETC…e adesso EPIFANI…

  2. SERGIO S BRIZIO

    COME SI FA A NON CONDIVIDERE ?…..

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -