Ritrovata la 15enne scomparsa a Rieti, era ‘prigioniera’ in un campo nomadi

nomadi10 mag. – Fugge di casa dopo le botte prese dalla madre per i brutti voti a scuola ma finisce “prigioniera” di un campo nomadi. Sono stati i carabinieri a liberare D.H., 15 anni, romena, allontanatasi dal suo appartamento di Passo Corese, vicino a Fara Sabina, lo scorso 13 aprile con in tasca solo 20 euro.
Dopo che del suo caso si era occupata anche “Chi l’ha visto?”, erano arrivate diverse segnalazioni di una presenza della ragazza nella capitale: i militari della stazione di Cinecitta’ l’hanno rintracciata nell’insediamento di via Ubaldo Comandini e arrestato L.L.C, 33 anni, che – per ospitarla – avrebbe imposto alla minore di “sposarlo” secondo un antico rito rom.

E’ accusato di sequestro di persona. I carabinieri del Comando provinciale di Rieti hanno battuto sin dall’inizio la “pista” che portava a Roma, fino ad arrivare al campo di via Comandini. Sentita da personale femminile, alla presenza di un’assistente sociale, la 15enne ha raccontato che, dopo alcuni giorni in cui aveva vagato tra la stazione Termini e alcuni parchi della capitale, era “approdata” al campo: prostrata psicologicamente e senza soldi per mangiare, era stata accolta ma di fatto limitata nella propria liberta’ di movimento.

Non solo: le fu spiegato che avrebbe potuto continuare a usufruire di vitto e alloggio solo se si fosse unita in matrimonio con uno dei componenti maschi di quell’enclave, molto piu’ grande di lei e gia’ regolarmente coniugato. La mancanza di alternative l’aveva spinta ad accettare e a non ribellarsi ma ora L.L.C. e’ stato identificato e arrestato nello stesso campo nomadi: quando i militari sono entrati, era intento a raccogliere le proprie modeste cose, probabilmente per fuggire. (AGI) .

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -