Genova, pilota del Jolly Nero: “La nave non rispondeva ai comandi”

Jolly-Nero

9 magg – “La nave non rispondeva ai comandi”: questa la testimonianza del pilota del Jolly Nero, Antonio Anfossi, raccolta dal Secolo XIX e dal Corriere della Sera. Anfossi è l’uomo che, insieme al comandante Roberto Paoloni, ha manovrato a bordo del cargo, colui che ha realizzato in tempo reale quanto stava per succedere in porto. “L’ho detto al comandante. Ci stavamo accostando troppo al molto Giano. Poi, all’improvviso, la nave non rispondeva più ai comandi, era fuori controllo. Abbiamo provato a fermarci ma è stato tutto inutile – ha detto -. Siamo andati a schiantarci contro la torre di controllo ed è stata la fine”.

Chi ha la responsabilità? “Non mi sento in colpa. Adesso per me è il momento delle lacrime. Piango per i piloti e militari scomparsi, ma al contempo voglio capire cosa è accaduto, come questo disastro si sia potuto verificare”. Anfossi , che è indagato insieme al comandante per omicidio colposo plurimo, nella tragedia ha perso amici cari. “Giusto l’altra sera avevo cenato con Michele Robazza” ha detto riferendosi al pilota il cui nome è nell’elenco delle sette vittime accertate. Cosa è successo a bordo? “Non capisco, ma proprio perché voglio chiarezza fornirò ai magistrati e agli inquirenti la mia piena collaborazione”. “Non mi sento in colpa, non mi considero responsabile dell’accaduto”.

“La Jolly Nero – racconta – stava procedendo a macchine indietro. Velocità 3 nodi. Abbiamo iniziato la manovra per virare, quindi motori spenti e andatura lenta, pronti ad azionare i propulsori per contrastare l’abbrivio”. Dal rimorchiatore di poppa – scrive il Secolo – il comandante Fabio Casarini assisteva ai movimenti del cargo, e ha avvisato che la Jolly era a 70 metri dal molo. “Sentita la comunicazione dal rimorchiatore – precisa Anfossi – ho comunicato col comandante e gli ho detto che ci stavamo avvicinando al molo Giano e che serviva innescare i comandi di ‘macchine avanti’. Una correzione, una procedura normale. Paoloni ha ripetuto le mie parole, ma la nave non rispondeva ai comandi, i motori non ripartivano. Ha provato una volta, poi un’altra, quindi ha comunicato il guasto. ‘Avaria, avaria’. Bisognava fermare la Jolly Nero, così abbiamo tentato di calare le ancore”. L’operazione richiede una trentina di secondi. La nave non si è fermata. ansa

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -