Onu: in Congo ribelli e soldati devono rispondere di crimini contro l’umanità

congo8 magg – I soldati della Repubblica democratica del Congo stuprarono almeno 135 donne e ragazze durante la ritirata a cui furono costretti alla fine dello scorso anno da Goma, nell’est del Paese, caduta in mano ai ribelli. La denuncia è contenuta in un nuovo rapporto delle Nazioni Unite diffuso oggi, che riferisce di donne stuprate sotto la minaccia delle armi e di uomini picchiati nel tentativo di difendere mogli e case.

Secondo gli investigatori Onu per i diritti umani, sia l’esercito che i ribelli del gruppo M23, che costrinsero i militari a lasciare Goma, potrebbero essere chiamati a rispondere di crimini contro l’umanità. Gli investigatori hanno quindi invitato le autorità congolesi a portare subito davanti alla giustizia militari e ribelli, “senza alcun riguardo per il loro rango”, e gli “stati vicini” a consegnare i leader dei ribelli coinvolti nelle atrocità commesse a Goma. (fonte Afp)

Congo: esecuzioni sommarie e stupri. Ribelli M23: marceremo su Kinshasa

Congo: difende i pigmei, missionario italiano picchiato e arrestato

L’Italia invia 700mila euro di aiuti al Congo

L’Italia dona 300mila euro al Congo per l’emergenza ebola

La UE regala altri 59 milioni di euro al Congo, dal 2005 ad oggi donati 367 milioni

 



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -