Corte UE condanna Eni a multa di 181,5 milioni di euro

Condividi

 

corte-ue

8 mag – La Corte di Giustizia europea ha confermato, rendendola definitiva, la sanzione da 181,5 milioni di euro nei confronti di Eni per aver partecipato tra il 1996 e il 2002 ad un cartello nel mercato della gomma sintetica.

La decisione chiude un iter iniziato nel 2006, quando la Commissione Ue inflisse ammende per un importo totale superiore a 519 milioni di euro a tredici societa’ contestando ”la fissazione di obiettivi di prezzo, nella ripartizione dei clienti mediante accordi di non aggressione e nello scambio di informazioni riservate concernenti prezzi, concorrenti e clienti”.

Per Eni e la sua controllata Polimeri Europa SpA (detenuta al 100% e in seguito divenuta Versalis SpA), la Commissione aveva stabilito ammende per un totale di 272,25 milioni di euro.

Le societa’ avevano fatto ricorso al Tribunale dell’Unione europea nel 2007 chiedendo l’annullamento della decisione della Commissione oppure la riduzione delle rispettive ammende.

Nel 2011 il tribunale aveva ridotto a 181,50 milioni di euro l’ammenda inflitta ad Eni. La societa’ ha impugnato la decisione presso la Corte di Giustizia che ha respinto ”integralmente” l’impugnazione confermando l’ammenda.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -