Usa: liberate 3 ragazze rapite 10 anni fa

Condividi

 

ritrovate-donne

Cleveland (Stati Uniti), 7 mag. – La polizia dell’Ohio ha arrestato tre persone in relazione alla scomparsa di tre adolescenti di Cleveland, ormai donne fatte, ritrovate soltanto ieri dopo diversi anni di prigionia, dagli undici ai nove a seconda dei casi. Si tratta di tre maschi ispanici di 50, 52 e 54 anni rispettivamente. Il primo a finire in manette e’ stato il presunto rapitore, il 52enne Ariel Castro, autista di scuolabus: e’ stata una delle vittime, Amanda Berry, a fare il suo nome in una drammatica telefonata al 911, il numero riservato negli Stati Uniti alle chiamate di emergenza.
“Aiutatemi!”, ha urlato nella cornetta, messale a disposizione da un vicino, Charles Ramsey, che l’aveva aiutata a evadere dall’abitazione in cui lei e le due compagne erano tenute segregate, probabilmente fin dal momento stesso dalla sparizione di ciascuna.

“Sono Amanda Berry. Sono stata sequestrata e data per dispersa per dieci anni, ma sono qui. E sono libera adesso!”, ha esclamato. Ora 26enne, l’ex ostaggio ha aggiunto che l’aguzzino suo e delle altre ragazze era “fuori”, e ha pregato gli agenti di accorrere al piu’ presto per salvarle tutte. Poco dopo la cattura di Castro, gli inquirenti hanno proceduto all’arresto di due suoi fratelli per presunta complicita’. Al network televisivo ‘Cnn’ Ramsey ha poi raccontato che, mentre passava per caso davanti alla casa-prigione, ha visto una donna che cercava disperatamente di forzare la porta d’ingresso per uscire, ma che questa non si apriva bene. E’ intervenuto e le ha dato una mano a forzarla, e lei e’ venuta fuori insieme a una bambina. All’interno e’ stato poi trovato anche un secondo minore. Sulle prime il soccorritore non ha compreso con chi avesse a che fare e, quando gli e’ stato chiaro, e’ rimasto sbigottito.

“Mi sono reso conto che stavo chiamando il 911 per conto di Amanda Berry. Pensavo che fosse morta!”, ha commentato. ( Amanda spari’ alla vigilia del suo 17esimo compleanno, nell’aprile 2003, dopo aver concluso il proprio turno nel fast-food ove lavorava. Le sue compagne di sventura sono state identificate come Gina DeJesus, che scomparve nel 2004 all’eta’ di 14 anni mentre tornava a casa da scuola; e Michelle Knight, svanita nel nulla prima di tutte, nel 2002, quando aveva una ventina di anni: la sua vicenda era quella sulla quale i mass media si erano concentrati di meno, e di cui si e’ sempre saputo poco.
Le tre abitavano in origine nella parte occidentale di Cleveland, lo stesso settore della citta’ nel quale adesso sono riapparse per tornare finalmente alla vita.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -