Bologna, impiegato Tar si uccide con colpo di pistola: temeva per il suo lavoro

Condividi

 

amb37 mag. – (Adnkronos) – Un costode impiegato nella portineria del Tar di Bologna, 59 anni, si e’ ucciso sparandosi un colpo di pistola con l’arma che deteneva legalmente. Il fatto e’ avvenuto intorno alle 18 del 30 aprile scorso, nella sua casa di via Zampieri, sotto le Due Torri, dove sono intervenute due volanti della Polizia, ma la notizia e’ stata diffusa solo oggi.

Al momento non risulta abbia lasciato biglietti per spiegare il suo gesto, ma secondo alcuni conoscenti, il 59enne che si occupava della madre e di un cugino entrambi disabili, oltre alla difficile situazione familiare avrebbe parlato del timore di perdere il lavoro.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -