Domani conferenza Londra sulla Somalia. Bonino: coinvolgere l’Europa

emma_bonino

6 mag. – In Somalia, “dossier caldissimo” dove deve essere coinvolta sempre di più “l’Europa in quanto tale”, la situazione presenta “molti aspetti ancora oscuri, ma anche altri apparentemente più positivi e in via di stabilizzazione”. Lo ha sottolineato il neo ministro degli Esteri italiano Emma Bonino, alla vigilia della conferenza internazionale di Londra a cui saranno presenti il presidente del Paese africano e 54 delegazioni oltre a quella di Roma.

Intervenendo per un saluto a Radio Radicale durante il notiziario, la titolare della Farnesina ha annunciato che, approfittando dell’appuntamento, di domani sarà impegnata in una serie di incontri bilaterali, compreso uno con il segretario del Foreign Office William Hague in cui tratterà anche “questioni di rilevanza europea”.

Il Ministro degli Esteri Emma Bonino sara’ a Londra oggi e domani per partecipare alla Conferenza internazionale sulla Somalia, all’indomani dell’attentato avvenuto a Mogadiscio, dove almeno 13 persone sono morte a causa di un attacco kamikaze lanciato dagli insorti Shebab contro un gruppo di ufficiali del Qatar in visita nella capitale somala.

Lo comunica la Farnesina in una nota. All’evento prenderanno parte circa 55 delegazioni tra Stati e Organizzazioni internazionali. I Paesi del Corno d’Africa saranno rappresentati al massimo livello.

La presenza del Ministro Bonino servira’ a confermare l’interesse italiano a svolgere un ruolo da protagonista nel dossier somalo, che rappresenta una delle priorita’ della politica estera italiana. Lo scorso febbraio, ad esempio, il MAE ha ospitato una country presentation del Paese per illustrare le opportunita’ di investimento in Somalia alle imprese italiane ed a rappresentanti accademici e istituzionali.

L’evento, che si pone in continuita’ con l’analoga iniziativa convocata dal Primo Ministro britannico David Cameron a Londra il 23 febbraio 2012, sara’ quest’anno co-presieduta dallo stesso Cameron e dal Presidente della Somalia Hassan Sheikh Mohamud.

Questa nuova impostazione, voluta da parte britannica per valorizzare adeguatamente la ownership somala dell’evento, riflette i cambiamenti intervenuti nel corso dell’ultimo anno in Somalia, dove la fine del lungo periodo transitorio e la nomina di nuove, piu’ legittime istituzioni lo scorso autunno hanno aperto una nuova fase e posto le basi per un’effettiva stabilizzazione del Paese, dilaniato da piu’ di vent’anni di guerra civile.

La Conferenza di Londra si articolera’ su quattro grandi temi: sicurezza; giustizia e polizia; accountability e gestione delle risorse finanziarie da parte del Governo somalo; processo politico. L’obiettivo e’ quello di manifestare sostegno politico e coordinare il supporto tecnico e finanziario della comunita’ internazionale a favore dei piani di riforma elaborati da parte del Governo somalo e presentati ai partner nelle scorse settimane.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -