Argentina, la ‘presidenta’ Kirchner vince la causa contro il Corriere della Sera

Kirchner5 magg – La presidente argentina Cristina Fernandez de Kirchner ha vinto un processo ”per diffamazione” in Italia per un articolo pubblicato nel 2008 del Corriere della Sera, in cui si raccontava un presunto shopping che si sarebbe concessa nel centro di Roma a margine di un vertice della Fao.

L’articolo, che era stato ripreso a Buenos Aires da numerosi media locali, ”era impostato con un approccio tipo ‘guardate che cinica la presidente che va al vertice della fame e poi fa acquisti”, ha detto la presidente a margine di una cerimonia alla Casa Rosada, sottolineando di aver saputo dai legali che la giustizia si era pronunciata a suo favore.

«Fame nel mondo e dolce vita»: cominciava così il pezzo incriminato secondo il quale «accompagnata da un’amica romana», la presidentessa aveva fatto shopping per le strade di Roma, spendendo per esempio 1.000 euro in lenzuola presso l’emporio Pratesi o comprando gioielli all’Enigma di Bulgari. L’informazione, smentita a suo tempo dai portavoce ufficiali argentini, è stata giudicata non veritiera.

”Dicevano che ero stata da Bulgari e avevo comprato non so cosa”, ha aggiunto, ricordando la condanna del tribunale a 41 mila euro nei confronti, ha precisato, della giornalista che ha scritto l’articolo e del direttore dell’epoca del Corriere.

”In Italia puoi finire in carcere per diffamazione, ma durante l’udienza ho chiesto che nessuno andasse in prigione”, ha assicurato, ritenendo inoltre ”poco probabile che la giustizia argentina” prenda una decisione simile, ”in quanto non ci sono giudici capaci di farlo, alcuni perche’ hanno paura altri in quanto oppositori”.

I 41 mila euro, ha concluso, saranno devoluti a un‘ospedale della città di La Plata, colpita un mese fa da un’inondazione che ha provocato morti e danni ingenti.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -