Violati: “L’euro è sopravvalutato, va svalutato del 30% per resistere alle speculazioni e incoraggiare l’export”

euro dollaroRoma, 04 Maggio 2013 – Ricordando una mia passione, quella di una comunicazione sintetica, a proposito dell’euro e della sua sopravvalutazione, dico che:

1) Pochi italiani ricordano che un barile di petrolio, che oggi costa sui 100 dollari, era venduto nel 1971 (poco più di 40 anni fa) a 1,25 dollari. Questo non ha mai creato gravi disagi nella vita dei popoli.

2) Quando è nato l’euro era stato quotato 85 centesimi di dollaro. Adesso è quotato tra un dollaro e venti e un dollaro e trenta. Questo significa che l’euro è sopravvalutato e una moneta sopravvalutata rende difficile l’esportazione e incoraggia le importazioni. (E le esportazioni italiane sono in continuo calo da quando siamo entrati nell’euro);

3) Quando siamo entrati nell’euro, eravamo abituati a mantenere competitiva la nostra economia con continue svalutazioni. Entrare nell’euro significava rinunciare alla svalutazione come modo di restare competitivi sui mercati internazionali.

4) I Governi italiani non hanno agito, dall’ingresso nell’euro fino al 2011, per eliminare i difetti nell’economia che avevano portato alla necessità delle svalutazioni competitive. E hanno aggravato il disavanzo e la tassazione.

5) Nel 1960 il peso dello Stato era solo del 26%. Quando siamo entrati nell’euro lo Stato italiano aveva un peso intorno al 50% sul PIL e chi tiene in piedi la povera Italia paga una tassazione tra le più alte del mondo per avere in cambio spaventose inefficienze. E il costo del lavoro in Italia è il più alto di tutti nella zona euro; e solo adesso i politici ammettono che nel pil è conteggiato il sommerso (lo ha fatto il Governatore Ciampi appena avuta la relazione del Censis sul sommerso);

6) Dalle statistiche di Banca d’Italia, appare che l’inflazione continua aveva portato una lira del 1861 a valere circa 6.800 lire del 1998. Ma con aggiustamenti continui per recuperare il valore dei salari e delle retribuzioni di chi lavorava, quelle svalutazioni non hanno mai procurato disastri. L’unico che ci guadagnava sempre era lo Stato che tassava come plusvalore la crescita dei valori (dovuti all’inflazione).

7) Creare una moneta senza avere una “Banca di ultima garanzia” è una follia. La crisi dei sub prime negli Stati Uniti e nella Inghilterra (che hanno Banche Centrali capaci d’intervenire sulla loro moneta) non ha creato danni così gravi alla vita sociale e non richiede così pesanti sacrifici ai cittadini. In Europa i Paesi che hanno l’euro stanno soffrendo per mancanza di una politica di difesa. Ma una crisi dell’Europa mette in crisi tutto il mondo. E Obama ci richiama ad un impegno di rilancio dell’economia europea, perché se l’Europa rallenta anche l’America rallenta;

8) La crisi successiva alla crisi del 1929 ha dato un grande ammaestramento: la crisi recessiva nella Germania (che attualmente vuole governare l’euro) dal 1929 al 1933, affrontata con politiche che avevano creato recessione e miseria, ha creato nel 1933 quel terribile mostro che è stato Hitler. E in Italia la gente si suicida e sono riapparse le brigate rosse. E fenomeni inquietanti di cui non si comprende l’origine;

9) Se l’Europa decidesse di svalutare l’euro si creerebbe una massa monetaria che permetterebbe a tutti i Paesi aderenti alla moneta unica di rilanciare le proprie economie. In modo particolare l’Italia con l’iniezione di moneta derivante dalla svalutazione dell’euro potrebbe,senza sofferenza,affrontare le misure di riduzione della spesa pubblica e rimessa in efficienza del sistema. E il Governo potrebbe più facilmente chiedere agli italiani di non trasformare in aumento dei prezzi l’iniezione di risorse destinate al risanamento.

10) Un economista – Roubini – afferma che l’euro va svalutato del 30% se si vuole resistere alle speculazioni del mercato;

11) Un Nobel dell’economia, Krugman, dice che l’eurozona con misure recessive, sta mettendo in atto un “Suicidio, economico e civile”;

12) Ricordando un insegnamento di Milton Friedman che diceva: “IN ECONOMIA NON ESISTONO PASTI GRATIS”, ridiamo più autonomia alle famiglie, diamo meno prestazioni falsamente gratuite, riduciamo la “corruzione che pesa per 60 miliardi l’anno” (fonte di malcostume economico e alimento per tutte le mafie) e ridiamo maggiore efficienza alle amministrazioni pubbliche e riduciamo le tasse.
CARLO VIOLATI

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -