Moody’s: verificheremo che l’Italia prosegua con le riforme strutturali

Condividi

 

montiletta

29 apr – La situazione dell’Italia “resta difficile” e Moody’s verifichera’ la capacita’ del nuovo governo Letta di andare avanti sulla strada delle riforme strutturali. Lo fa sapere in un’intervista alla ‘Repubblica’ Dietmar Hornung, analista di Moody’s responsabile per l’Italia. “Non abbiamo mai pensato – dice – che l’Italia, come qualsiasi paese, potesse restare senza governo. Il problema e’ che bisognera’ verificare il mandato dell’esecutivo appena insediato e quindi la sua capacita’ di affrontare con decisione le imponenti riforme strutturali di cui il paese avrebbe bisogno per migliorare la sua ‘affidabilita” creditizia. Per ora la situazione resta difficile”.

Grilli: L’Italia non ha altra strada che risanamento e riforme

Draghi: L’Italia proseguirà le riforme come se fosse inserito ”il pilota automatico”

Robert Zoellick all’Italia: fare le riforme strutturali o la Germania potrebbe stancarsi

Riforme strutturali, ovvero: eliminare tutto ciò che attutisce “la durezza del vivere”

Vice Presidente Usa Biden: Italia continui con le riforme di Monti

La Bundesbank minaccia l’Italia: “Avanti con riforme o no aiuti dalla Bce”

Monti: “sono sicuro che l’Italia continuera’ con le riforme”

”Non è ancora possibile escludere la possibilità che l’Italia possa chiedere aiuti alla Bce in futuro”. Lo afferma ai media un funzionario di Moody’s. Il funzionario aggiunge che Moody’s verificherà la ”capacita del nuovo governo italiano di perseguire le riforme” e sottolinea che ”la situazione rimane difficile”.

“Non ci sentiamo ancora – prosegue Hornung – di escludere che l’Italia finisca con l’aver bisogno del Fondo salva Stati e della Bce, il che aprirebbe nuove incognite in termini di capacita’ di far fronte alle condizioni che sarebbero imposte e che bisogna rispettare con esattezza”.

Secondo Moody’ l’Italia e’ un “paese in recessione, con dei gap di produttività perfino rispetto ad alcuni concorrenti della periferia dell’Europa e con una debolissima domanda interna”. “C’e’ un insieme complesso di misure che potrebbero impattare positivamente la competivita’. Se devo dirne una, pensiamo al mercato del lavoro, che oggi vediamo da un lato eccessivamente regolamentato e dell’altro ancora vincolato ad accordi di categoria nazionali che potrebbero essere viceversa decentrati”. “Le banche – spiega Hornug – sono vulnerabili a ulteriori shock e sono oggi un elemento di pressione sul rating anziche’ di supporto alla ripresa”. rai news24

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -