L’austerità è figlia di un errore di calcolo

Condividi

 

rigore18 apr – A tale conclusione eclatante è giunto il nuovo studio dell’Università del Massachussets, che fa le pulci e smentisce la teoria economica che considera i tagli alla spesa pubblica la chiave per ridurre l’indebitamento e rilanciare la crescita.

Una teoria sposata in Europa e Stati Uniti e basata sullo studio di due economisti di Harvard, Kenneth Rogoff e Carmen Reinhart. Gli studiosi dell’Università del Massachussets, mettendo mano a dati e calcoli, contestano quanto affermato dai due colleghi: un debito pubblico superiore al 90% non danneggia affato la crescita di un Paese, che anche in tali condizioni può aumentare il proprio prodotto interno lordo anche di due punti percentuali.

La disputa da accademica si è trasformata in politica, vista la significativa influenza dello studio di Rogoff sulle scelte politiche basate sull’austerità, tema al centro delle contestazioni di piazza in Europa. (euronews)

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -