Warren Mosler: “Uscire dall’euro e non pagare il debito per azzerare la disoccupazione”

Condividi

 

Mosler17 apr – Io mi sono fatto un’idea. Non ne sanno un’acca. Di MES, l’organizzazione finanziaria imperscrutabile e totalmente fuori controllo a cui regaleremo 125 miliardi – più interessi – per salvare mica noi, ma le banche, ho parlato ben due volte all’Ultima Parola. Ogni volta gli ospiti guardavano un punto non meglio precisato dello studio, sfuggendo all’occhio indagatore delle telecamere. Ogni volta si passava oltre come se fosse acqua fresca, e ricominciavano a sbranarsi per le briciole.

Allora ci ho portato Lidia Undiemi. Anche lei ha parlato due volte di MES, l’ultima ieri sera. Accuse gravi. Circostanziate. Carte alla mano. Esempi alla portata di un bambino. Niente. Non il minimo singulto. Non un rigurgito di reazione. Sguardi vacui. Sembrano studentelli delle medie che evitano lo sguardo del professore per non essere interrogati. Un malcapitato cui la sorte infausta assegna il turno di parlare finta una risposta, ma sono cavoli a merenda. Noi però abbiamo chiesto il cacio sui maccheroni. Non lo fanno apposta. Non sono servi pagati per tacere. E’ proprio che non ci capiscono niente. Glielo leggi negli occhi. Come se un alieno appena sceso dalla navicella prendesse il microfono e facesse una domanda sui motori materia-antimateria ad accoppiamento gravitazionale iperuranico.

E questo sarebbe il famoso controllo democratico esercitato dal Parlamento che dovrebbe imbrigliare la volontà di potenza del Governo Monti nel suo incedere a passo di marcia verso lo smantellamento totale della nostra (residua) sovranità? Come avrebbe detto qualcuno, in passato: “Ma mi faccia il piacere, mi faccia!”.

Chi fa da sè fa per tre, si dice. Noi che abbiamo la rete facciamo per 60 milioni.

Fonte byoblu

Warren Mosler (Manchester, 18 settembre 1949) è un economista statunitense,[1] presidente e fondatore della società automobilistica Mosler. È gestore di hedge fund e autore di spicco della Teoria Monetaria Moderna. Attraverso il suo Centro per la Piena Occupazione e la Stabilità dei Prezzi, che ha sede presso l’Università del Missouri-Kansas City, finanzia sia borse di studio universitarie sia progetti di ricerca nell’ambito dell’economia in alcuni tra gli atenei più prestigiosi di USA, Europa, Australia

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -