Squinzi: abbiamo diritto a Paese che rispetti il lavoro e non lo punisca

Condividi

 

squinzi13 apr – ”Chiediamo e abbiamo diritto di vivere in un Paese che rispetti e premi il lavoro, l’impresa, la capacita’ di rischio, non li punisca, non li avvilisca, non li impaurisca”. Cosi’ il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, concludendo il convegno di Piccola Industria di Confindustria.

”Cosa e’ mai diventato il Paese che tanto amiamo e per cui abbiamo tanto lavorato? – si e’ chiesto poi il presidente degli industriali – chiudere o indebitarsi? questa e’ l’alternativa per chi rischia del suo? Come presidente di Confindustria, come italiano, chiedo di non vivere in un Paese cosi”’.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -