Usa: le aziende sono pronte a penalizzare i lavoratori grassi

obesita6 apr – Per far fronte ai crescenti costi della spesa sanitaria, diverse aziende americane stanno cominciando ad adottare misure che penalizzano i lavoratori con pressione alta e giro vita largo. A denunciarlo è oggi il Wall Street Journal, riferendo in particolare il caso della Michelin dove i dipendenti con un giro vita di circa un metro e la pressione alta rischiano di dover pagare, a partire dal prossimo anno, fino a 1.000 dollari per la loro assicurazione sanitaria.

I dirigenti aziendali si difendono sostenendo di non poter ridurre i costi sanitari senza convincere i loro lavoratori a cambiare abitudini alimentari, citando quindi i risultati di indagini condotte da diversi economisti, secondo cui le persone rispondono meglio alla minaccia di eventuali perdite in busta paga, piuttosto che a offerte di premi. A fronte di una spesa sanitaria per le aziende che dovrebbe toccare nell’anno in corso 12.136 dollari a dipendente, le multe “potrebbero presto diventare la norma”, sottolinea oggi il Wsj.
Gli attivisti per il rispetto dei diritti dei lavoratori hanno già bollato queste multe come “discriminazione legale”. Anche se le aziende li definiscono incentivi per il benessere, le multe sono di fatto riduzioni di salario sotto altro nome, ha detto Lew Maltby, presidente di ‘National Workrights Institute’: “Milioni di persone vedranno ridurre il proprio stipendio senza alcuna ragione legittima”. tmnews

Dittatura dello Stato etico: dura battaglia all’obesità guidata dai governi

Dittatura dello Stato etico: dura battaglia all’obesità guidata dai governi28 genn – Affrontare l’emergenza obesità è sempre più urgente sia sul piano sanitario che economico, e  a Davos i grandi dell’economia affrontano questo tema durante una sessione del World Economic Forum. L’obesità oggi colpisce 500 milioni di persone nel mondo (ma la povertà colpisce 150 MILIONI DI PERSONE IN EUROPA) e nel 2015 potrebbe […]

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -