Tribunale Arabia Saudita, legge del taglione: uomo condannato a paralisi delle gambe

saudi4 apr – Applicando la legge del taglione, un tribunale dell’Arabia Saudita ha condannato un uomo a “diventare paralitico qualora non pagasse un milione di riyal sauditi (circa 270mila dollari) di risarcimento”. L’imputato aveva accoltellato un amico che era rimasto paralizzato. Ora, o lo risarcisce, o subirà la stessa sorte.

Lo denuncia Amnesty International che, dal suo sito, rivolge un appello a Riad e al mondo intero affinché fermino la sentenza.
Risarcimento o stessa sorte della vittima – La sentenza, emessa il 2 aprile, riguarda il caso di Ali al-Khawahir che, nel 2003, all’età di 14 anni, aveva accoltellato un suo amico, che era rimasto paralizzato alle gambe. A distanza di circa un decennio, una Corte di Al-Ahsa ha stabilito che il “colpevole dovrà subire la medesima sorte se non riuscirà a reperire la somma richiesta”.

Amnesty: “Pene crudeli e simili alla tortura” – Amnesty fa presente un’altra sentenza simile, emessa nel 2010, che non venne tuttavia eseguita. L’ong punta il dito contro le leggi dell’Arabia Saudita che prevedono la possibilità da parte dei giudici di stabilire numerose punizioni corporali. Si va dalla fustigazione – che può essere alternativa o aggiuntiva al carcere – all’amputazione, per i reati di furto (taglio della mano destra) e rapina in autostrada (taglio della mano destra e del piede sinistro).

Ad alcuni imputati che non avevano risarcito la controparte come stabilito dal tribunale sono stati estratti gli occhi, i denti, o è stata decretata la condanna capitale. In questi casi, la vittima ha la facoltà di chiedere che la sentenza sia eseguita, annullata o sostituita da un risarcimento in denaro. “Pene crudeli e illegali”, perché simili alla “tortura”, secondo l’organizzazione che sottolinea come tali pratiche siano contrarie alla Convenzione Onu contro la Tortura, alla quale anche l’Arabia Saudita ha aderito, e ai Principi di etica medica adottati dall’Assemblea generale dell’Onu. tgcom24

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -