Germania: musulmani chiedono giorni festivi per loro celebrazioni

islam1

28 mar. – I musulmani residenti in Germania chiedono giorni festivi in occasioni delle proprie celebrazioni religiose. A gettare i semi di una polemica destinata a durare e’ stato oggi il presidente del Consiglio centrale dei musulmani in Germania, Aiman Mazyek, che ha chiesto per i fedeli della propria religione un giorno per il Ramadan e un altro per la Festa del Sacrificio come “importante segnale per l’integrazione” del Paese. “Sarebbe un sottolineare la tolleranza della nostra societa'” ha spiegato Mazyek. “Non si tratta di offrire due giorni in piu’ di ferie a tutti i cittadini ma di dare la possibilita’ ai musulmani di prendere dei giorni di riposo in occasione delle festivita’ islamiche”.

La richiesta di Mazyek e’ destinata a scatenare polemiche dal momento che all’interno della maggioranza di governo, incentrata sui valori cristiani, la misura presa indipendentemente da alcuni comuni come ad esempio Berlino, che aveva introdotto lo scorso anno la possibilita’ di giorni festivi per le imprese e le scuole della capitale, non era stata gradita. Il responsabile alla politica interna della Cdu, il partito della Merkel, Wolfgang Bosbach, aveva dichiarato di non vedere alcuna necessita’ di giorni festivi per i musulmani.
Lo scorso anno la citta’ di Amburgo aveva aperto la strada alle richieste degli immigrati islamici concedendo ai residenti in Germania il diritto all’istruzione religiosa a scuola e la possibilita’ di celebrare funerali religiosi. La Germania conta circa 4milioni di musulmani, la maggioranza sono di origine turca . agi



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -