Cipro: a Nicosia nuove proteste contro la UE

Condividi

 

cipro24 mar – Nuove proteste a Nicosia durante il negoziato a Bruxelles sulle misure che dovra’ prendere il governo cipriota per accedere agli aiuti di Ue, Bce e Fmi. Davanti alla rappresentanza dell’Unione europea e al palazzo presidenziale si sono radunati 500 attivisti del Partito comunista Akel che hanno chiesto al governo di non piegarsi ai diktat internazionali.

“Popolo cipriota, difendi i tuoi diritti” e “La troika stampa euro e compra le nazioni” era alcuni degli slogan scanditi dai manifestanti. In un’altra protesta davanti al palazzo presidenziale, 200 dipendenti delle banche che temono di perdere lavoro e pensione hanno issato uno striscione in cui avvertono: “Non diventeremo gli schiavi del 21mo secolo”.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -