Cipro. La Germania: ”Non e’ stata una nostra idea”, tutti contro Bce e Fmi

lagarde-draghi

19 mar – La prima a nascondere la mano e’ la Germania: ”Non e’ stata una nostra idea” il prelievo forzoso sui piccoli depositi, dice il ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble, e quello degli Esteri Guido Westerwelle spiega che ”sarebbe stato piu’ intelligente escludere i piccoli risparmiatori”.

Anche Parigi e Vienna si schierano dalla parte dei cittadini, alludono ad ”errori” fatti dall’eurogruppo e puntano il dito contro Bce e Fmi: sarebbero stati loro a fare pressione su Cipro perche’ includesse nella tassa anche i piccoli depositi, nonostante fonti della Bce smentiscano e il membro tedesco del board Jorg Asmussen oggi e’ stato tra i primi ad aprire ad una revisione dell’intesa.

Il ‘pasticciaccio’ pero’ c’e’ stato, e con tutta probabilita’ porta la firma di vari personaggi, a cominciare dal neopresidente dell’eurogruppo, l’olandese Jeroen Dijsselbloem, che ha spinto per applicare un modello che lui stesso ha gia’ utilizzato in Olanda per il salvataggio della SNS Reeal, dove a pagare furono non solo gli investitori ‘senior’ ma anche i ‘junior’.

Jeroen Dijsselbloem viene  definito  dal Wall Street Journal un falco in ambito fiscale.

La Commissione europea lancia aggressivo piano d’azione contro l’evasione fiscale

Ma e’ un modello che ”sembra aver rotto un altro tabu”’ della zona euro cioe’ non garantire piu’ i depositi bancari, scrive Morgan Stanley. Per questo l’Eurogruppo oggi fa ‘retromarcia’, dopo che anche gli Usa hanno chiesto una soluzione ”responsabile e giusta’.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -