La UE regala centinaia di mln al Marocco che in cambio espelle gli eurodeputati

schulz

STRASBURGO, 13 MAR – Che l’espulsione dei 4 eurodeputati da parte del Marocco lo scorso 6 marzo non passi sotto silenzio e venga apertamente condannata. E’ questo cio’ che chiede al Presidente del Parlamento Ue Martin Schulz l’Intergruppo Sahara Occidentale dell’eurocamera.

La UE regala 126 milioni di euro al Marocco per sostenere la riforma sanitaria

La UE regala al Marocco altri 112 milioni di euro, di cui 37 per la protezione forestale

La UE regala altri 45 milioni di euro al Marocco

UE: 345 mln di euro al Marocco per maxi impianto solare

Ok della UE: al Marocco altri 25 mln di euro per le comunita’ rurali povere

UE: colloqui su sostegno finanziario al Marocco per la pesca

La UE regala 2,8 milioni di euro al Marocco

La UE regala un grandioso portale audiovisivo al Marocco

UE regala 1,5 milioni di euro al Marocco per formazione guide turistiche

Il 6 marzo 4 membri dell’Intergruppo, lo sloveno liberale Ivo Vaigl, gli spagnoli Vicent Ramon Garces, S&D, e Willy Meyer, sinistra unitaria, e la popolare svedese Isabella Lovin, venivano espulsi dalle autorita’ marocchine all’aeroporto di Casablanca impedendo una visita che doveva portare i 4 nel Sahara occidentale per incontrare rappresentanti della popolazione locale, di organizzazioni internazionali e di Ong. ”Ho interrogato Schulz lunedi’ all’inizio della seduta plenaria – ha spiegato oggi a Bruxelles in una conferenza stampa Marco Scurria, Pdl e Ppe – e’ un atto grave perche’ gli eurodeputati sono stati espulsi e considerati persone non grate, spiacevole che la risposta di Schulz sia stata vedremo, ci aspettavamo parole di condanna per quello che e’ accaduto”.

Scurria ha proposto l’organizzazione ”di una delegazione officiale con in testa il Presidente del Parlamento per andare a vedere sul campo la situazione” nel Sahara Occidentale.

Secondo Pino Arlacchi, Pd, S&D e vicepresidente dell’Intergruppo Sahara Occidentale, ”l’incidente non e’ casuale e segnera’ un inversione di rotta del Parlamento Ue e spero di tutta la Ue nei confronti del Marocco”. ”Non possiamo considerare – insiste Arlacchi – il Marocco un interlocutore serio e neanche come un paese che vuole modernizzarsi, ma per quello che e’: una tirannide medioevale”. (ANSA)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -