Il voto in Italia “una catastrofe per l’euro e l’Unione europea”

monti-napolitano

28 febbr – Il risultato elettorale italiano ha spazzato via l’intera strategia della BCE per il salvataggio dell’euro. L’editoriale di apertura di oggi Le Monde, scritto dal redattore capo, riconosce che il voto degli italiani è stato un voto contro l’austerità, e ha stabilito un segnale di resistenza anti-UE tra tutti i paesi vittime come la Grecia, la Spagna, eccetera

In Lussemburgo, il ministro degli Esteri Jean Asselborn descrive il panico che le elezioni italiane hanno suscitato definendole come “una catastrofe per l’euro e l’Unione europea. Inoltre, come Ambrose Evans-Pritchard scrive oggi a Londra, Daily Telegraph,” la grande paura è che la Banca centrale europea si troverà nell’impossibilità di sostenere il mercato italiano delle obbligazioni … se non c’è una coalizione disposta o in grado di rispettare le difficili condizioni imposte dall’UE; La strategia di salvataggio europea potrebbe iniziare a saltare.

Andrew Roberts, capo di credito RBS (Royal Bank of Scotland), ha detto: “Ciò che è accaduto in queste elezioni è di importanza sismica. I salvataggi della BCE dipendono dal fatto che i paesi eseguano ciò che gli viene detto, ma questo schema è stato fatto a pezzi dalla politica interna in Italia e questo provoca un grosso rischio… il rischio è che i mercati inizino a dubitare della credibilità della promessa della BCE. ‘”

La dittatura di Bruxelles è al lavoro per sostituire il governo Monti per mettere l’Italia in amministrazione controllata con un altro governo similare. Secondo il sito di gossip Dagospia, “Londra ha scelto:  il prossimo primo ministro italiano sarà Giuliano Amato.” Dagospia si riferisce a voci che circolano, che indicano che la dittatura di Bruxelles ha in programma di creare un replay del golpe Monti, guidata dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Napolitano è stato chiamato dal presidente della Commissione europea José Manuel Barroso ieri. Come nel caso di Mario Monti, Napolitano avrebbe costretto il PD e PdDL per sostenere un governo tecnocratico utilizzando il ricatto dei mercati.
Bersani non lo sa, ma Londra ha deciso che la parola Governissimo è l’unica parola che può fermare l’aumento dello spread. Se il PD attende fino a quando il nuovo Parlamento si apre, al fine di costruire una maggioranza, rischia di trovare la porta chiusa per mancanza di soldi.

Il piano B per risolvere ingovernabilità è quello di avere un governo sulla base di un accordo di programma limitato tra la PD e il partito M5S di Grillo. Questa linea viene spinta dal Financial Times, il cui piombo editoriale di oggi dice che il programma dovrebbe includere “il taglio dei costi della politica, che passa una nuova legge elettorale e le misure contro i conflitti di interesse.”

Il FT scrive giustamente che Beppe Grillo, il vincitore, “non ha mai sostenuto di essere contro l’Euro.”
Il populista Grillo ha chiesto un referendum sull’euro, ben sapendo che, per fare questo, è necessario modificare la Costituzione, come lui stesso ha ammesso. Questo è tutto ciò che ha proposto. Per lasciare l’euro non è necessario un referendum, basterebbe un governo e una maggioranza parlamentare. Basta.

Grillo e le persone che eseguono i suoi ordini al governo della città di Parma, stanno tagliando il bilancio più di Monti. Tra le altre cose, hanno licenziato l’orchestra del teatro, Grillo ha paura della cultura…

larouchepac

Traduzione di Massimo Lodi Rizzini



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -