Anche la Croazia finisce nel mirino del fondo monetario

fmi28 febbr – La Croazia deve accelerare le riforme strutturali dell’economia e del settore pubblico, continuare sulla strada del consolidamento fiscale e dei risparmi e poi, dal primo luglio prossimo, usufruire dei vantaggi dell’ingresso nell’Unione europea.

Lo ha detto oggi il Fondo monetario internazionale (Fmi), al termine di una missione esplorativa condotta nei giorni scorsi. ”L’annuncio di una riduzione degli stipendi nel settore pubblico del tre percento e le riforme del sistema pensionistico e della sanita’ pubblica sono passi nella giusta direzione”, scrive nel suo rapporto l’Fmi, indicando che tutto cio’ pero’ non basta e che al Paese ”servono ulteriori e veloci riforme per contenere la spesa pubblica”.

La missione del Fmi invita inoltre il governo di Zagabria ”ad alzare l’eta’ pensionabile a 67 anni e a fermare l’indicizzazione delle pensioni piu’ alte, liberalizzando il mercato del lavoro ed eliminando le barriere burocratiche agli investimenti”.

Dall’Fmi ricordano che nel 2012 il Pil della Croazia ha visto una contrazione di ulteriori due punti percentuali e che dopo il declassamento del rating creditizio allo status di ”spazzatura” il Paese e’ esposto a rischi di tassi di interesse al limite del sostenibile. (ANSAmed).



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -