Standard & Poor’s: non abbandonare le riforme (votare Monti)

Condividi

 

sep20 feb – In Italia ”la frammentazione e la debolezza delle coalizioni politiche che hanno guidato il paese ”contribuiscono a spiegare l’alto debito pubblico, stimato al 127% del Pil a fine 2012”, cosi’ l’agenzia di rating Standard & Poor’s (S&P) che pubblica le risposte alle domande degli investitori sui paesi dell’Eurozona che presentano le maggiori criticita’.

Gli investitori chiedono lumi sui possibili effetti delle prossime elezioni politiche.

Per S&P, considerando l’avanzo primario del bilancio pubblico italiano, il principale ”rischio per l’Italia e’ dal lato della crescita economica”, soprattutto se dopo le elezioni del 25 febbraio dovesse essere abbandonato il sentiero delle ”riforme strutturali per migliorare le prospettive di crescita del paese”.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -