Ilva, Finocchiaro contro la cassa integrazione dei lavoratori

finocchiaro

19 feb – ”La cassa integrazione spesso e’ servita, storicamente, a coprire incapacita’ di gestione e scelte sbagliate da parte delle aziende. La richiesta di Cigs per 6500 lavoratori dell’ Ilva, in vista dei lavori di applicazione dell’Aia, ci pare molto forte.

Ilva: annunciata cassa integrazione per 6.500 lavoratori

Ilva: sblocco dei materiali o 7-8000 mila lavoratori in cassa integrazione

Ilva: autorizzata vendita dell’acciaio sequestrato, ma il ricavato sarà sequestrato

Ilva, Confindustria: il Parlamento fa le leggi, la magistratura non le applica

Ilva: perizie depositate al Tribunale di Taranto non hanno corretto fondamento scientifico

A questo punto bisogna sapere se questo numero di cassaintegrati e’ davvero necessario per l’attuazione dei piani di bonifica degli impianti. L’azienda ha previsto le spese per l’Aia, ma non conosciamo nei dettagli e nella sua articolazione, quale sia il piano industriale per arrivare al risultato.

In piu’ ci chiediamo se siano previsti criteri di rotazione per i cassaintegrati. Non vorremmo che il peso di quanto sta accadendo venisse scaricato sui lavoratori e che questo fosse un modo per l’azienda di sottrarsi alle sue responsabilita’ e ad una reale prospettiva di rilancio dell’impianto”. Lo ha detto Anna Finocchiaro, presidente del gruppo del Pd al Senato e capolista in Puglia, nel corso di una manifestazione elettorale in provincia di Lecce. asca



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -