Il danese Christensen: “Euro spacciato, è destinato a fallire”

19 febbr – (wallstreetitalia) La previsione di Lars Seier Christensen, co-amministratore delegato della banca danese Saxo Bank. Il recente balzo della moneta “è illusorio”. Quando la Francia entrerà nel pieno della crisi, sarà finita.

euro-criAltro che ripresa dell’economia, come vanno dicendo, quasi pavoneggiandosi, le varie autorità europee, Mario Draghi incluso. E altro, soprattutto, che euro che riflette i fondamentali, tra l’altro a questi livelli così alti, e a fronte di una valuta, il dollaro, che rappresenta una economia, quella americana, che di certo marcia a ritmi più solidi di quella europea.

A dire le cose come stanno, è un alto funzionario del mondo delle banche, ovvero Lars Seier Christensen, co-amministratore delegato della banca danese Saxo Bank, che afferma che “the whole thing is doomed”, ovvero che “tutto è spacciato”, sottolineando che il recente balzo dell’euro “è illusorio e che la valuta è destinata a fallire, in quanto l’Europa non l’ha sostenuta attraverso una Unione fiscale.

“Venderei ancora di più euro a qualsiasi livello vicino a $1,40”, ha detto Christensen, precisando che al momento non ha lanciato nessuna mossa speculativa contro la moneta unica europea.

Per il funzionario, un altro evento possibile è “liberarsi di alcuni paesi che sono rovinati dall’euro, in modo particolare le economie del sud. La gente sta sottovalutando poi in modo drammatico i problemi che la Francia dovrà affrontare. (una volta che tale possibile scenario si verificasse). Quando la Francia entrerà nel pieno della crisi, sarà finita. Neanche la Germania potrà intervenire e probabilmente non lo farà” .

Christensen, da tempo critico nei confronti dell’euro, afferma che la valuta unica è stata “sostenuta in modo notevole non da ragioni economiche, ma da ragioni politiche”. La verità è che “in questo momento ci troviamo in una di quelle false soluzioni che portano la gente a pensare che il problema sia contenuto o affrontato, supposizioni niente affatto vere”.

Da segnalare, stando a quanto riporta Bloomberg, che l’euro è salito +8,2% negli ultimi sei mesi contro il dollaro, toccando il massimo dallo scorso 14 novembre del 2011 il primo febbraio di quest’anno.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -