Richard Ginori: ex presidente indagato per bancarotta fraudolenta

ginori2Firenze, 16 feb. – Roberto Villa, ex presidente della Richard Ginori di Sesto Fiorentino, la storica manifattura di porcellane dichiarata fallita il 7 gennaio del 2013, e’ stato indagato dalla Procura di Firenze per bancarotta fraudolenta.

Secondo quanto si apprede, perquisizioni sarebbero state eseguite questa mattina dalla Guardia di Finanza nei suoi uffici di Sesto Fiorentino e di Monza. l’indagine, coordinata dal pm fiorentino Luca Turco, punta a stabilire se la scissione della manifattura in due diverse societa’, la Ginori 1735 e la Ginori Real Estate, nata per la gestione del patrimonio immobiliare della societa’, non abbia, di fatto, depauperato l’azienda. L’indagine della Procura di Firenze per bancarotta fraudolenta della Richard Ginori, sarebbe partita dalla relazione del curatore fallimentare.

L’indagato, Roberto Villa, presidente della Starfin spa, aveva rilevato la Richard Ginori nell’ottobre 2007 e, nel marzo 2009, il titolo della societa’ torno’, dopo anni, ad essere quotato in borsa. Ma dal maggio del 2012 la Richard Ginori, con 332 dipendenti in forza, conta 40 milioni di debito e l’assemblea vota per la sua messa in liquidazione. Fra i tre liquidatori c’e’ lo stesso Villa.

Richard Ginori: il tribunale dichiara il fallimento, dipendenti in lacrime

Richard Ginori fallita: il colosso delle porcellane è in liquidazione

Il loro compito, secondo il castello accusatorio, e’ tentare di evitare il fallimento attraverso la vendita dell’azienda e la richiesta di concordato preventivo. In agosto, per i 332 dipendenti, inizia la cassa integrazione straordinaria. In novembre, arrivano due richieste di acquisto. L’offerta da parte di una cordata, costituita da una societa’ americana, la Lenox Corporation e da una rumena, la Apulum, viene ritenuta la piu’ conveniente. Ma il tribunale fallimentare di Firenze, negli scorsi mesi, dichiara inammissibile la domanda di concordato preventivo. In gennaio, lo stesso tribunale dichiara fallita la Richard Ginori, il cui passivo raggiunge gli 80 milioni di euro, a fronte di un attivo di 50. agi



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -